CdS – Aspettando Marko Corriere dello Sport

CdS – Aspettando Marko

Scritto da  Lug 15, 2021

Il tempo è galantuomo, si sa. Ma in questo caso si rischia di far nascere un caso, che forse è nato già a gennaio, con il club rossoblù che ha cercato in tutte le maniere di portare l’austriaco a Casteldebole, senza riuscirci.

IL CASO. A dire il vero, questa “situazione Arnautovic” qualche scompenso l’ha già creato, rendendo più difficile sia il lavoro di Mihajlovic sia della società, che pensava di aver chiuso l’operazione. Oggi il giocatore austriaco sarebbe atteso a gran voce in ritiro a Pinzolo ma a meno di una svolta improvvisa, figlia di una marcia indietro o di ripensamenti di qualcun altro, questa possibilità resta da scartare. Come avrete capito la lieta novella non è arrivata con lo sbarco di Danijel Arnautovic e il suo socio, ma forse c’è anche di peggio, perché la lieta novella potrebbe addirittura non arrivare. I cinesi non sono disposti a liberare il giocatore a parametro zero, dopo averlo pagato 25 milioni di euro solo due anni fa. Si rischia di dover arrivare così al 30 agosto con il campionato già in avvio.

SVINCOLO? NO. La pazienza dei tifosi del Bologna deve essere tanta in questo periodo, ma anche la società dovrà armarsi di una dose massiccia di pazienza se non vorrà rinunciare al suo colpo dell’estate. Il Bologna sa di avere il tempo dalla sua parte, ma dall’altra lo stesso tempo gli gioca contro, perché andando avanti di questo passo i cinesi potrebbero questa querelle fino agli ultimi giorni di mercato: quando si dovrà arrivare ad una decisione. Come potrete immaginare, i contatti tra il Bologna e l’entourage dell’attaccante austriaco sono diventati febbrili in queste ore, con Sabatini, Bigon e Di Vaio che non mollano la presa neanche per un solo attimo, rendendosi conto di come e quanto Sinisa vorrebbe prima possibile Arnautovic per inserire negli schemi della squadra.

CONTINUA IL BRACCIO DI FERRO.  Sì, è questo il nodo più ingarbugliato che deve essere sciolto, e ci chiediamo cosa succederebbe nel caso in cui lo Shanghai continuasse a battere cassa pretendendo soldi per liberare Arnautovic. Va sottolineato come il Bologna abbia sempre dichiarato di essere pronto a portare l’attaccante austriaco a Casteldebole solo se si fosse liberato a parametro zero, ma a questo punto sarà importante capire se in qualche modo potrà rivisitare eventualmente questa sua prima presa di posizione, perché ad oggi l’obiettivo della società e soprattutto di Mihajlovic è uno solo: chiudere l’affare.

La società ha sbagliato qualcosa nella gestione Arnautovic? Non è da escludere fino in fondo, ma anche se così fosse ora ciò che conta è chiudere la trattativa per iniziare con il piede giusto una stagione che deve essere quella del salto di qualità per tutta la società.

fonte: Claudio Beneforti