Il Resto del Carlino - Theate, Svanberg, Vignato e Barrow: da loro Sinisa si aspetta tanto crediti immagine: 67hailhail.com

Il Resto del Carlino - Theate, Svanberg, Vignato e Barrow: da loro Sinisa si aspetta tanto

Scritto da  Set 07, 2021

Il Bologna, si sa, è una squadra molto giovane, e questo comporta tante aspettative.
Di seguito un focus su quattro giocatori, dai quali il Bologna si aspetta moltissimo: Theate, Svanberg, Vignato e Barrow, tratto dall'ediziona odierna de Il Resto del Carlino.

Arthur Theate, arrivato da circa 10 giorni sotto le due torri, all'inizio nasce come terzino sinistro, e sicuramente può dare una mano su quella corsia visti i diversi infortuni che hanno colpito Mitchell Dijks. Tuttavia, il belga riesce a esprimersi molto bene anche da centrale, giocando sia in una difesa a tre (come fa con il Belgio Under-21) sia a quattro. La dirigenza lo ha voluto fortemente e da lui si aspetta grandi cose.

Per Mattias Svanberg questo deve essere l'anno della conferma, dopo l'ottima stagione passata, in cui ha collezionato 5 gol e 2 assist, giocando principalmente da mediano e qualche volta prendendo il posto di Soriano sulla trequarti. Le attenzioni sullo svedese non sono mancate nell'ultima sessione di calciomercato, ma alla fine Svanberg è rimasto e il Bologna vuole assolutamente rinnovargli il contratto (in scadenza nel 2023).
Dominguez è sicuramente tornato dalla Copa America in gran forma, motivo per cui Sinisa molto probabilmente virerà sul centrocampo a tre. Adesso sta a Svanberg confermarsi, sfruttando a pieno tutte le sue qualità.

Chi fa della duttilità il suo punto di forza è sicuramente Emanuel Vignato. Lo scorso anno ha, infatti, giocato molto spesso da quinto di sinistra, ma ha dato il meglio di sé sulla trequarti nella partita di ritorno contro la Fiorentina.
Quest'anno ha giocato da esterno sinistro in attacco in Coppa Italia, anche se per tutta l'estate era stato provato come mezzala.
Vignato sa entrare molto bene a gara in corso, essendo dotato di corsa e visione di gioco. Deve ancora trovare il suo ruolo definitivo, ma l'impressione è che il ragazzo possa far bene un po' ovunque: esterno di difesa, qualora si dovesse giocare con una difesa a tre, esterno d'attacco, se Sinisa dovesse applicare il 4-3-3, e anche come centrocampista.

Infine, Mihajlovic si aspetta tanto anche e soprattutto da Musa Barrow. Il gambiano non è ancora nella sua forma migliore, dal momento che ha dovuto saltare il ritiro di Pinzolo per via del Covid. In Coppa Italia è entrato bene, contribuendo a sfiorare la rimonta, giocando da seconda punta accanto ad Arnautovic. Meno bene ha fatto contro la Salernitana. All'inizio era stato preso come prima punta, ma Barrow ha dimostrato che le sue qualità emergono soprattutto da esterno di sinistra, senza dimenticare, però, che per quel ruolo c'è anche Sansone.

(Fonte: Il Resto del Carlino)

 

Deborah Carboni

Aspirante giornalista sportiva con il Bologna nel cuore. Studentessa di Scienze della Comunicazione.