Stampa questa pagina
Nicolas Dominguez Nicolas Dominguez Bologna FC

Top&Flop di Bologna-Verona - Grande prestazione di Dominguez e Medel, bocciato Simeone

Scritto da  Set 15, 2021

Il Bologna conferma quanto di buono fatto nelle prime due giornate di campionato imponendosi nel finale sull'Hellas Verona grazie al gol di Mattias Svanberg. I felsinei salgono così a 7 punti in classifica, mentre la sconfitta degli scaligeri costa la panchina a Eusebio Di Francesco. Buona prestazione per il collettivo di Sinisa Mihajlovic, sottotono invece la squadra ospite, che quasi mai è riuscita a impensierire Skorupski.

TOP - Una partita complicata, dove il Bologna ha sempre cercato di fare la partita ma alla fine è servito il guizzo giusto targato Mattias Svanberg: con l'assenza di Schouten toccava a lui dare qualità e quantità al centrocampo rossoblù e così è stato. Ci si aspettava molto da lui, soprattutto dopo l'inizio di stagione non troppo esaltante, complice anche una condizione fisica non ottimale: lo svedese, però, si è rifatto e tutto il gruppo ne ha tratto beneficio. Accanto a lui ecco una conferma: Nicolas Dominguez. L'argentino, dopo una stagione di rodaggio, è chiamato a far vedere le proprie qualità e contro l'Hellas ha dimostrato di poter essere un perno importante della mediana rossoblù grazie al doppio lavoro in fase d'interdizione e la capacità di leggere bene entrambe le fasi. Un'altra conferma arriva dalla difesa e da Gary Medel, che è passato da oggetto misterioso a leader del reparto arretrato: il cileno non sbaglia quasi nulla, è bravo negli anticipi, guida con prudenza la difesa e, se capita, non ha paura di far partire l'azione. Un'altra bella prestazione per un calciatore che sta diventando fondamentale per Sinisa Mihajlovic.

TOP - Svanberg, Dominguez, Medel

FLOP - L'Hellas Verona non ha mai impensierito Skorupski ed è per questo che le peggiori prestazioni provengono dal reparto offensivo. Si comincia con il "Cholito" Simeone, generoso come sempre ma poco letale in area di rigore. Nel primo tempo ci prova un paio di volte ma senza cattiveria, stesso discorso nella seconda frazione di gioco dove - a tu per tu con il portiere rossoblù - pecca di lucidità e si fa ipnotizzare. Male anche Caprari: l'ex sampdoriano, arrivato in Veneto per raccogliere la pesante eredità di Zaccagni, non incide mai e non riesce ad essere quel jolly offensivo in grado di non dare punti di riferimento alle difese avversarie. Prestazione negativa anche per Barak: il centrocampista scaligero non riesce quasi mai a impostare le manovre della squadra, complice anche un grande lavoro della mediana rossoblù in fase di non possesso. Ingabbiato nel mezzo, è costretto a trovare vie secondarie che però si rivelano inefficaci.

FLOP - Simeone, Caprari, Barak

Federico Calabrese

Classe 2000, studia presso l'Università di Bologna. Prima di entrare in 1000cuorirossoblu ha scritto per Numero-Diez, Mondoprimavera e Jzsportnews. In passato ha lavorato anche con Gazzamercato e Vocegiallorossa. Ha partecipato al Workshop di Giornalismo Sportivo, che ha visto come docenti Xavier Jacobelli e Alessandro Iori. Appassionato di calcio in tutte le sue sfumature, cerca di raccontare il lato romantico dello sport.