L'Uomo della Domenica - Arthur Theate Bologna FC

L'Uomo della Domenica - Arthur Theate

Scritto da  Set 19, 2021

Dopo un ottimo inizio arriva per il Bologna la prima, pesante sconfitta in campionato: a San Siro, contro l'Inter, finisce 6-1 per la squadra di Simone Inzaghi. Un risultato duro, frutto di molti errori collettivi e di una difesa che - dopo una solidità fatta vedere nelle prime due giornate - ha ceduto contro le offensive nerazzurre. Una prova negativa di tutto il collettivo di Sinisa Mihajlovic, che spesso ha provato a imporre il proprio gioco ma con manovre confusionarie e poco efficaci. L'unica gioia del pomeriggio arriva da un nuovo acquisto, Arthur Theate

Il giovane difensore belga, arrivato in estate dall'Oostende dopo un'estenuante trattativa durata settimane, ha bagnato il suo esordio in maglia rossoblù con un gol dal sapore speciale. Entrato al 74' al posto di De Silvestri, Theate ci ha messo poco più di dieci minuti per trovare la sua prima rete con la maglia del Bologna. L'azione parte da Musa Barrow che, dalla sinistra, fa partire un preciso cross di mancino che attraversa tutta l'area di rigore e trova, dall'altra parte, il giovane belga, bravo a tuffarsi di testa e a depositare alla sinistra di Handanovic. Le sue doti offensive si erano viste già in Belgio: il calciatore può garantire ai rossoblù una spinta importante in fase d'attacco, soprattutto quando gioca sull'esterno. Poco più di un quarto d'ora di gioco sicuramente non sono bastati per far conoscere a tutti le sue qualità, ma l'inizio è buono e promettente. Duttilità e qualità al servizio di Sinisa Mihajlovic che, dopo una brutta batosta, dovrà subito rifarsi, già contro il Genoa e - magari - con un Theate in più.

L'Uomo della Domenica: Arthur Theate

Federico Calabrese

Classe 2000, studia presso l'Università di Bologna. Prima di entrare in 1000cuorirossoblu ha scritto per Numero-Diez, Mondoprimavera e Jzsportnews. In passato ha lavorato anche con Gazzamercato e Vocegiallorossa. Ha partecipato al Workshop di Giornalismo Sportivo, che ha visto come docenti Xavier Jacobelli e Alessandro Iori. Appassionato di calcio in tutte le sue sfumature, cerca di raccontare il lato romantico dello sport.