Sinisa Mihajlovic Sinisa Mihajlovic Damiano Fiorentini per 1000 Cuori rossoblù

Il Corriere di Bologna - Difesa inguardabile: 12 reti incassate nelle ultime tre partite

Scritto da  Set 27, 2021

 

 

I 120 chilometri del ritorno da Empoli devono essere stati amarissimi per il pullman rossoblù e per chi ci stava sopra: unica nota lieta è stata quella di un ritrovato Musa Barrow che, oltre al bel goal, ha dato segni di buona intraprendenza. il resto buio pesto.

E non tanto e solo, scrive nel suo articolo odierno Fernando Pellerano, per i 4 goal subiti (che portano a 12, complessivamente, le reti incassate negli ultimi 3 matches) ma per la confusione che è regnata in campo, dove nessuno dei reparti ha svolto al meglio il proprio compito. Perché se la difesa, ad oggi, è la penultima del torneo, anche il centrocampo ("corto" numericamente nei suoi interpreti) e l'attacco (sciupone oltre ogni dire ieri, ndr) non hanno assolutamente brillato.

La difesa, ad oggi, è costruita con un Gary Medel "riabilitato" (fino a pochi giorni prima della fine del calciomercato aveva la valigia in mano) che va in sofferenza sulle palle alte e con un giovane Aaron Hickey che soffre la fase offensiva (degli avversari, vedi Dumfries, Kallon nelle partite precedenti): in tutto questo è corretto sottolineare come un centrale come Adama Soumaoro, che bene aveva fatto l'anno scorso in maglia rossoblù, oggi langue in panchina e ieri, nel secondo tempo, gli sono stati preferiti Arthur Theate e l'esordiente in Serie A Luis Binks.

La squadra, si dirà, è tatticamente squilibrata: qui è la mano del tecnico che deve intervenire per apportare i correttivi che servono, per tornare a giocare un calcio di livello che la Società e la piazza si aspetta. E se l'attacco è l'ottavo più prolifico in serie A (ma può e deve migliorare), il focus deve essere sul reparto difensivo, che ancora, sotto la guida di Sinisa Mihajlovic, non ha trovato la quadra: e la sconfitta contro l'Empoli, squadra non certo costruita per la Champions League, lo sta a dimostrare.

 

(fonte Fernando Pellerano, CorrBo)

 

 

Ultima modifica il Lunedì, 27 Settembre 2021 07:21
Torben Grael

Amante delle profondità umane e ricercatore delle motivazioni che muovono l'universo mondo, ama lo sport di squadra e ogni sua evoluzione possibile, la musica AOR e tutto quanto si chiama "PROSPETTIVA"