Walter Sabatini e Sinisa Mihajlovic Walter Sabatini e Sinisa Mihajlovic fonte immagine: Damiano Fiorentini / 1000cuorirossoblu

Il Resto del Carlino - Bologna, addio Sabatini: fatale il ko di Empoli

Scritto da  Set 28, 2021

Ha pagato Walter Sabatini. La sconfitta di Empoli è stato uno stop pesante, arrivato ad una settimana a dalla dura sconfitta di San Siro ha smosso le acque in casa Bologna. La presenza del patron Saputo ha innescato un meccanismo che ha escluso dal progetto Bologna e Montreal il dirigente umbro.

NESSUNA DIPLOMAZIA - Il Presidente Saputo, rimasto a Bologna per qualche altro giorno (intanto ha festeggiato il compleanno in città), non ha digerito la sconfitta di Empoli e qualche parola di troppo di Sabatini. L’ormai ex coordinatore dell’area tecnica di rossoblù e Montreal si era lasciato andare a qualche colorita dichiarazione: “Chi ha fatto questa squadra, ha fatto una squadra del c…”. Una dichiarazione forte che non è piaciuta in società ed in particolare al Presidente. Così nella mattinata di ieri il patron ha avuto un confronto con Sabatini, da cui è scaturita la decisione di mettere fine al rapporto dopo due anni di lavoro assieme, fianco a fianco, come traspare dal comunicato della Free 2 Be Holdings. Dal dirigente di Marsciano la società rossoblù si aspettava un salto di qualità per l’intera squadra. Non pervenuto.

RITIRO E SINISA - La squadra è da ieri nel ritiro “dorato” dell’hotel Calzavecchio. La sconfitta di Empoli è stata pesante e ha scatenato una serie di eventi difficili da arrestare. Ritiro e allentamento di Sabatini potrebbero essere solo l’inizio. Il rischio prossimamente è che sulla graticola finisca Sinisa stesso, il tecnico serbo al momento sembra non essere in pericolo, ma l’impressione è che la situazione possa cambiare improvvisamente. L’esonero costerebbe caro alla società, visto che Miha ha firmato un contratto da due milioni l’anno, che lo lega fino al 2023 al Bologna. Un esborso non di poco conto, che però potrebbe essere utile a scuotere la squadra. Sinisa dovrà cambiare passo, perché da oggi stop come quello di Empoli saranno quasi imperdonabili. E sullo sfondo comincia a far capolino Claudio Ranieri, anche se al momento il testaccino è solo una suggestione.

 

fonte: Marcello Giordano, Il Resto del Carlino

Stefano Francesco Utzeri

Studio Giornalismo all'Università di Parma inseguendo il mio sogno: raccontare lo sport e i suoi protagonisti. Nativo digitale sedotto dai Beatles e Marty McFly.