Roberto Soriano e Sinisa Mihajlovic Roberto Soriano e Sinisa Mihajlovic fonte immagine: Damiano Fiorentini / 1000cuorirossoblu.it

Soriano a BFC Week: “Contro la Lazio vittoria importante. Il gol mi manca, ma finché si vince va bene così”

Scritto da  Ott 07, 2021

Consueto appuntamento settimanale con BFC Week su BFC Tv. Come d’abitudine, la rubrica del canale tematico rossoblù si occupa della settimana appena trascorsa dal Bologna. Questa settimana per parlare della bellissima vittoria 3-0, in casa, sulla Lazio, BFC Tv ha intervistato il capitano rossoblù Roberto Soriano, che ha raccontato così la prestazione della squadra, che ha guadagnato 3 punti fondamentali per il prossimo futuro: “È stata una settimana difficile, per varie ragioni. È iniziata con la brutta sconfitta con l’Empoli, poi ci metto anche l’addio al direttore Sabatini, che è un uomo di calcio, vive di calcio, so quanto lui soffre, ha sempre sofferto con la squadra, e so quanto ci teneva a questa squadra. Quindi per tutte queste cose insieme, compreso il compleanno del Bologna, il 112mo, penso che sia stata una vittoria arrivata al momento giusto”.

Una vittoria che significa molto non solo per l’avversario, il risultato e la prestazione con cui è arrivata, ma anche per il momento come sottolineato da Soriano. Una vittoria che, dopo la difficile settimana post Empoli, arriva prima di una lunga sosta in cui, in caso di risultato negativo, si sarebbero scatenate tante polemiche: “Questa vittoria ci dà una grande spinta anche in vista della prossima partita con l’Udinese. Ora c’è la sosta, e come ha detto Lollo (De Silvestri, ndr), quasi ci dispiace che ci sia questa pausa. Dopo una vittoria così abbiamo veramente tanta voglia di tornare in campo e continuare a fare punti. La prossima partita è comunque molto difficile, ma siamo ancora molto contenti per quest’ultima vittoria perché è stata una settimana difficile, ma la sfida contro una squadra forte come la Lazio è arrivata al momento buono e abbiamo dato una grande risposta”.

Prestazione, quella contro la Lazio, che è arrivata come noto con il nuovo modulo, seppur già adottato in passato da Sinisa Mihajlovic. Quali sono state le impressioni di Soriano, che ha giocato comunque trequartista, ma alle spalle di due punte? “Direi che dopo un 3-0, mi sono trovato bene. Abbiamo cambiato un pochino. La Lazio ha giocatori forti, di qualità, che hanno gamba e questi modulo ha un po’ tolto loro le certezze, mentre a noi ha dato immediatamente fiducia. Il gol spettacolare di Musa sicuramente ci ha aiutato, perché siamo andati in vantaggio in casa, davanti ai nostri tifosi. Nel mio ruolo, anche se non avessimo cambiato modulo, da giocatori offensivi dobbiamo pensare da difensori quando non abbiamo la palla perché prendiamo ancora tanti gol e non dipende soltanto dalla difesa, la difesa parte da Marko, che è l’attaccante e passa anche per noi centrocampisti più offensivi e quindi bisogna fare tutti un sacrificio in più. Finché arrivano i punti, va benissimo così”.

La scorsa stagione è stata una delle migliori a livello realizzativo per Soriano. Tuttavia, in questa stagione l’ex Villarreal è ancora a secco, e questo sicuramente manca sia a Soriano stesso, che al Bologna. Il suo pensiero: “Sicuramente dopo il campionato dell’anno scorso il gol mi manca, perché personalmente ho segnato tanto è fornito tanti assist. Quest’anno mi manca segnare, ma è più una cosa personale, perché al livello di squadra, come ho già detto in varie interviste prima del campionato, se io faccio pochi gol e pochi assist ma facciamo tanti punti in più, io sono contentissimo. Quindi non è la mia priorità, ma personalmente un gol o un assist combinato con una vittoria mi darebbe una spinta per tornare ad essere decisivo come l’anno scorso”.

 

Stefano Francesco Utzeri

Studio Giornalismo all'Università di Parma inseguendo il mio sogno: raccontare lo sport e i suoi protagonisti. Nativo digitale sedotto dai Beatles e Marty McFly.