Mihajlovic: ''Domani partita aperta. Dominguez? Vediamo oggi come sta'' crediti immagine: Damiano Fiorentini per 1000 cuori rossoblu

Mihajlovic: ''Domani partita aperta. Dominguez? Vediamo oggi come sta''

Scritto da  Ott 22, 2021

Oggi vigilia di Bologna-Milan, è intervenuto in conferenza stampa Sinisa Mihajlovic.
Con lui anche Arthur Theate.

Com’è andato il primo confronto con Viola?
''Abbiamo parlato di quello che mi aspetto da lui, lui è un regista, conosce i suoi pregi e difetti, deve lavorare sui suoi difetti, deve capire in cosa si deve adattare, è intelligente e non ci saranno problemi, ora è infortunato e vediamo quando recupererà''.

Come sta Dominguez? Nel caso non ci sia domani, Medel andrebbe a centrocampo?
''Vediamo come sta, ha un problema al polpaccio, al soleo. Se non c’è lui, l’unica possibilità è mettere Medel a centrocampo''.

Su Abisso.
''Mi aspettavo che ci chiamasse per dirci che hanno cambiato le regole, ma così non è stato. Non sono cose che noi possiamo controllare. Dobbiamo adattarci alle nuove soluzioni''.

Come sta Schouten? 
''Ha fatto ieri il primo allenamento, vediamo oggi come sta, ma penso sarà disponibile, poi vediamo se gioca o no. La partita dura 90 minuti, quindi vediamo se ci sarà bisogno, ha mezz’ora nelle gambe. Speriamo nessuno si faccia male. Anche il Milan ha tante assenze, ogni squadra ha i suoi problemi, noi siamo abituati alle difficoltà. E’ importante avere qualche cambio in più''.

Ha sentito Ibra in questi giorni? Preferirebbe che non partisse dall’inizio?
''Devono giocare i migliori, hanno tante assenze, devo concentrarmi sulle cose sulle quali ho più controllo, certe cose non le possono controllare. Devo pensare ai miei problemi''.

Arnautovic come sta?
''Di condizione è migliorato, mi aspetto di più da lui. Deve fare tutto con più continuità, ha più del 50%, ma ancora non è al 100%, è un giocatore molto fisico, ci vuole del tempo''.

Per Theate: Come sono stati questi primi mesi? Com’è andata la tua esperienza con il Belgio?
''Il mio primo mese a Bologna è andato molto bene, ho sentito la fiducia di mister e staff, ho instaurato un buon rapporto con i tifosi, devo crescere molto e vogliamo raggiungere i nostri obiettivi. Sono stato molto contento di essere stato convocato dal Belgio, ma la cosa più importante è il Bologna adesso''.

Come sta Dijks?
''Sta bene, adesso abbiamo 3 partite ravvicinate, perciò qualcuna la giocherà. Dove possiamo cambiare, allora cambieremo''.

Che partita si aspetta domani?
''Sono secondi in classifica, al di là della sconfitta in Champions, dove comunque in alcuni episodi sono stati penalizzati dall’arbitro, sono una grande squadra. Contro il Verona hanno recuperato bene, da quando c’è Pioli stanno facendo grandi cose. Hanno giocatori forti e giovani, è difficile per tutti affrontare il Milan, speriamo che il pubblico ci aiuti domani sera, abbiamo bisogno di loro. Noi stiamo bene, io sono convinto che domani faremo una grande partita, ci serve più precisione e fortuna. Dobbiamo concretizzare di più, domani non avremo tutte le occasioni avute a Udine, e se capita al Milan ci possono fare male. E’ una partita aperta''.

A Theate: Cosa ti ha coinvolto nella tifoseria?
''E’ molto importante il loro supporto, vogliamo ripagarli delle trasferte di Udine ed Empoli, vogliamo fare il massimo per loro e per noi stessi''.

Quanto cambia il Milan senza Kessie e Rebic?
''A loro mancano giocatori così come a noi, magari hanno più giocatori, ma sono senza alcuni titolari importanti. Noi siamo in difficoltà su un reparto, loro su più reparti. Io mi preoccupo dell’avversario fino a un certo punto, non posso concentrarmi troppo su cose dell’avversario che non posso controllare. Mi piace giocare con le squadre più forti''.

Deborah Carboni

Aspirante giornalista sportiva con il Bologna nel cuore. Studentessa di Scienze della Comunicazione.