Samuele Vignato festeggia il gol contro il Pordenone Samuele Vignato festeggia il gol contro il Pordenone fonte immagine: Twitter ufficiale Monza

La Bottega dei Talenti - Samuele Vignato

Scritto da  Nov 17, 2021

Il Chievo Verona ha detto addio al calcio. La non iscrizione alla Serie B 2021/22 è arrivata dopo alcune stagioni di difficoltà tecniche ed economiche. La società del Presidente Campedelli ha rappresentato una delle realtà più sorprendenti degli ultimi 20 anni del calcio italiano. L’ascesa del Chievo ha visto gli scaligeri prima arrivare fino ai preliminari di Champions League, e poi lentamente retrocedere nei piani bassi della Serie A. Contemporaneamente a questo periodo in cui il Chievo è stato per quasi 20 in Serie A, la squadra gialloblù ha visto fiorire il suo settore giovanile, fino al trionfo nel campionato Primavera della stagione 2013/14.

Un risultato incredibile se si pensa anche soltanto che il Chievo era una realtà di quartiere. Uno dei migliori prodotti della squadra scaligera è quell’Emanuel Vignato che a Bologna gioca già da una stagione. Tuttavia, Emanuel, in questa speciale classifica di “prodotti” del Chievo Verona, rischia di essere superato da un altro Vignato, Samuele, il fratello minore. Classe 2004, anche lui dunque cresciuto nelle giovanili della squadra veneta, quest’estate è rimasto svincolato dopo il già citato fallimento del Chievo. Nonostante le avances di big come Inter, Milan e Juventus, Samuele ha invece scelto di ripartire dal Monza, in Serie B.

Conosciamo meglio il fratello del trequartista rossoblù.

Nato a Negrar di Valpolicella, in provincia di Verona, il 24 febbraio 2004. Samuele segue le orme del fratello, entrando fin da bambino nelle giovanili del Chievo. Nel vivaio del Chievo brucia le tappe della crescita. Nella stagione 2019/20, prima dell’interruzione per covid, è già un titolare fisso della squadra under 17. Qui, gioca 16 partite, quasi tutte da titolare e segna 6 reti.

Nella scorsa stagione, ad appena 16 anni avanza ulteriormente e diventa un elemento fondamentale della Primavera gialloblù che disputa il campionato di Primavera 2. Il rendimento è eccezionale, Samuele segna 14 reti in 18 apparizioni, condite da ben 10 assist. A maggio, dopo le ottime prestazioni in Primavera, viene chiamato in prima squadra e debutta in Serie B il 4 maggio 2021, contro la Cremonese. Doppia le presenze, appena tre giorni più tardi, con un altro spezzone di partita contro la Virtus Entella.

Rimasto svincolato, come detto, rifiuta le big di Serie A per accasarsi al Monza di Berlusconi e Gallini. La sua stagione fin qui risulta abbastanza positiva. Considerata la concorrenza spietata nel reparto, Samuele, nonostante la sua età, ha già collezionato 7 presenze e un assist.

Con la maglia della Nazionale italiana ha giocato fin dall’under 15, per poi proseguire con l’under 16, 18 e 19. In maglia azzurra ha dunque fatto 19 partite e segnato 6 reti.

164 cm, peso non noto, Samuele Vignato è un giocatore brevilineo, rapido, scattante, che può davvero sgusciare da ogni situazione grazie alla sua agilità e abilità negli spazi stretti. Pur essendo talmente rapido da sfuggire ad avversari più fisici, ha senz’altro ancora da aumentare la sua massa muscolare per non subire troppo l’impatto con campionato di più alto livello, dove la fisicità è una componente fondamentale.

Destro naturale, ha un’ottima tecnica individuale e una capacità nel condurre il pallone, mantenendolo sempre sotto stretto controllo, eccezionale. Rapido e scattante tocca il pallone tante volte, rendendo difficilissimo l’intervento degli avversari, talvolta costretti al fallo per fermarlo. Infatti, grazie a queste doti tecniche, e una propensione alla giocata spettacolare, non di rado lo si vede fare “trick” da street football, è un dribblatore di alto livello in grado creare la superiorità numerica a difesa schierata e da ogni posizione del campo.

Trequartista naturale, come il fratello, può giocare anche come esterni grazie alle sue doti di dribbling. Si tratta di un vero e proprio numero 10, visto che è in possesso di una visione di gioco periferica fuori dal comune. Il suo modo di giocare ricorda quello di un altro grande giovane talento italiano, Alessandro Cortinovis(qui la sua scheda). Creativo nella rifinitura, abile nel tiro dalla medio-lunga distanza, è in grado di fare la differenza info rifinitura e davanti alla porta.

Si tratta dunque di un giocatore di qualità superiore, le cui doti tecniche sembrano anche superiori a quel del fratello, già apprezzato a Bologna in diverse occasioni e in attesa della grande occasione.

Samuele, al di là degli enormi margini di miglioramento che dovranno poi essere certificati sul campo quando realmente impatterà con il calcio professionistico, può senz’altro essere considerato una delle grandi promesse del calcio italiano. Difficile individuare oggi dei veri e propri difetti, se non la necessità di migliorare il suo fisico.

È altrettanto difficile oggi assegnargli un valore di mercato poiché dopo essere stato svincolato ha deciso di non fare un passo troppo lungo per la sua carriera e si è accasato al Monza in Serie B, la cui volontà sarà senz’altro quella di coltivarne il talento per poi rivenderlo per grandi cifre dopo l’eventuale, e speriamo probabile, futura esplosione.

Ultima modifica il Mercoledì, 24 Novembre 2021 18:43
Stefano Francesco Utzeri

Studio Giornalismo all'Università di Parma inseguendo il mio sogno: raccontare lo sport e i suoi protagonisti. Nativo digitale sedotto dai Beatles e Marty McFly.