The Duel - Medel vs. Mancini crediti immagine: Damiano Fiorentini per 1000 cuori rossoblu

The Duel - Medel vs. Mancini

Scritto da  Nov 29, 2021

La vittoria contro lo Spezia ha dato grande morale alla squadra di Mihajlovic, che adesso si trova a dover affrontare la Roma al Dall’Ara, tra due giorni.
Una sfida molto difficile attende il Bologna, contro una Roma che viene da due vittorie consecutive. Una Roma che però, allo stesso tempo, in alcune gare è sembrata una squadra che fatica a dare continuità.
Una partita certo tosta, ma non impossibile per i rossoblù.

Bologna-Roma vedrà anche confrontarsi due giocatori dal grande calibro come Gary Medel e Gianluca Mancini, i due leader delle rispettive difese.
Mihajlovic e Mourinho non rinunciano mai ad averli in campo. Ne è un esempio lampante l’utilizzo di Medel in questi primi mesi di campionato, schierato da Sinisa anche quando il cileno veniva da diverse partite consecutive con la sua nazionale, il Cile.
In questo avvio di stagione, entrambi hanno preso parte a tutte le partite di Bologna e Roma.
Tutti e due possono giocare sia in una difesa a tre sia in una difesa a quattro, anche se il cileno, come si è visto, si trova meglio in una linea a tre.

Il primo dato che salta all’occhio riguarda sicuramente la differenza sui duelli aerei. Mancini, grazie ai suoi 190 cm di altezza, ha una media di 2,8 duelli aerei vinti a partita, mentre Medel ha una media di 0,6 duelli aerei vinti per gara.
Mancini è molto abile anche nel colpire la palla di testa, e infatti riesce anche ad andare in rete qualche volta.
Altezza a parte, sono due giocatori molto fisici, che mettono in campo tutta la grinta che li contraddistingue, e questo li porta poi spesso a dover commettere fallo, rimediando ammonizioni (non è un caso che siano entrambi in diffida).  In totale, in questi primi tre mesi di campionato, hanno rimediato 8 gialli, 4 per parte. Non proprio pochi insomma.
In generale, Mancini ha una media molto più alta per quanto riguarda i falli: 1,7, contro lo 0,6 di Medel.

Chi è il più preciso nei passaggi?  Sorprende, ma quanto a precisione ad avere la meglio è il difensore del Bologna con una media che si aggira intorno al 90%, contro l’88% di Mancini.
Restando sul tema dei passaggi, si vede come entrambi prediligano di gran lunga i lanci lunghi: Mancini ha una media di 3 lanci lunghi a partita, mentre il cileno ha addirittura una media che si aggira intorno ai 6 (più precisamente 5,8 lanci lunghi per gara).

Un’altra caratteristica che hanno in comune è la bravura nello spazzare i palloni, e soprattutto negli anticipi. 

Non è nelle corde di nessuno dei due andare spesso a contrasto, entrambi infatti hanno media che si aggira circa su 1 contrasto per gara.

Quanto alla velocità Mancini ha qualcosa in più del cileno, ma Medel ha sicuramente esperienza da vendere, e con questa riesce spesso a sopperire le poche mancanze che ha.

Insomma, due difensori veramente fondamentali per Bologna e Roma. Servirà una grande prestazione della difesa rossoblù mercoledì se si vuole cercare di arginare il fortissimo attacco di Mourinho.
Anche la Roma, tuttavia, dovrà fare molta attenzione dietro, perché il trio Soriano, Barrow e Arnautovic fa sul serio.

Parola al campo, come sempre.

(Fonte: Whoscored)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Deborah Carboni

Aspirante giornalista sportiva con il Bologna nel cuore. Studentessa di Scienze della Comunicazione.