Il film della partita: Bologna - Roma in 5 momenti Twitter: Bologna Fc 1909

Il film della partita: Bologna - Roma in 5 momenti

Scritto da  Dic 02, 2021

Il Bologna si presenta alla sfida con la Roma in questo turno infrasettimanale di Serie A forte della vittoria esterna di domenica scorsa contro lo Spezia. Test importante per gli uomini di Mihajlovic per misurare le proprie ambizioni europee, contro la squadra che attualmente occupa la 5° posizione in classifica, quella valida per l’Europa League. Un test che i rossoblu superano a pieni voti con una prestazione solida e convincente: al Dall’Ara finisce 1-0 per i rossoblu, che quindi tengono il passo di Juventus e Fiorentina e si portano a -1 proprio dai giallorossi. Ecco, dunque, Bologna-Roma in 5 momenti

IN BOCCA AL LUPO MARKO: Pronti via e la partita si mette subito male per il Bologna: al 14° minuto il leader offensivo del Bologna, Marko Arnautovic, si accascia a terra dopo un intervento in scivolata. L’austriaco prova a stringere i denti come suo solito, ma questa volta non ce la fa e 3 minuti dopo dovrà lasciare il campo in favore di Nicola Sansone. Problema muscolare per Arnautovic, con gli esami di oggi che chiariranno la situazione, nella speranza che per l’austriaco non sia nulla di grave. 

LA MEGLIO GIOVENTÙ: Il Bologna è inizialmente scosso dall’uscita dal campo di Marko Arnautovic, ma gli uomini di Mihajlovic non si scompongono e tengono bene il campo. Al 35° minuto, poi, Nico Dominguez e Mattias Svanberg confezionano anche il goal del vantaggio: il centrocampista dell’Albiceleste è bravo a trovare il compagno ben piazzato centralmente nella trequarti avversario; lo svedese controlla forse neanche troppo bene, ma è letale nel piazzare la palla nell’angolino in basso a destra della porta difesa da Rui Patricio. Dominguez e Svanberg, rispettivamente anni 23 e 22, sono ormai diventati i padroni del centrocampo del Bologna: 2 assist per l’argentino, 3 goal e 2 assist per l’olandese ma, oltre ai numeri, tanta qualità e quantità, e l’impressione su questi due ragazzi è che il meglio deve ancora arrivare. 

ABRAHAM VS SKORUPSKI ATTO 1°: Un avvio di stagione sicuramente difficile per il centravanti inglese della Roma, che finora ha segnato 4 goal e servito 2 assist. Tante occasioni per lui anche quest’oggi, dove però ha trovato un Lukasz Skorupski in forma come non mai: al 42° minuto la palla messa dentro da El Sharaawy trova prima il tocco di Smalling poi la deviazione di Abraham, che in qualche modo, nonostante Svanberg gli stia appiccicato, riesce ad alzare la palla con una traiettoria che sembra superare Skorupski. L’estremo difensore rossoblu però riesce ad indietreggiare e con un balzo felino allontana la palla, mantenendo il risultato sull’1-0. 

IL MURO POLACCO: Una delle sorprese più belle di queste ultime 5 partite del Bologna è sicuramente Lukasz Skorupski, che dopo un avvio di stagione condizionato da troppe incertezze sta alzando il livello delle sue prestazioni di partita in partita. E oggi se il Bologna può festeggiare una vittoria strepitosa che avvicina ulteriormente i rossoblu alla zona Europa, molto del merito va anche al polacco, che ha salvato il risultato in più di un’occasione con parate decisive. La più importante, forse, avviene al 70° minuto: la Roma va in contropiede guidata da Tammy Abraham sulla fascia destra, che pesca al limite dell’area in posizione centrale Henrikh Mkhitaryan. L’armeno si sposta la palla sul destro e calcia da ottima posizione, con i difensori rossoblu che sembrano fuori causa: a salvare il risultato ci pensa proprio Skorupski, che rimane in piedi fino all’ultimo e con una parata di gamba chiude lo specchio della porta.

ABRAHAM VS SKORUPSKI ATTO FINALE: Una sfida che è durata per 90 minuti, in cui il terminale offensivo della Roma le ha cercate tutte per superare il portiere rossoblu: di piede, di testa, su calcio di punizione, l’esito finale è stato sempre lo stesso. L’ultimo squillo dell’attaccante inglese avviene all’86° minuto, quando dopo aver controllato il cross di Cristante, si gira in un fazzoletto e calcia verso la porta di Skorupski, che per l’ennesima volta risponde presente e salva il risultato con una gran parata. Abraham, che probabilmente di meglio non poteva fare, si dispera coprendosi il volto con le mani, mentre Skorupski sarà decisivo anche qualche minuto dopo, quando riesce a bloccare un cross su cui Zaniolo non riesce ad arrivare a calciare.