Nightline - Si chiude la 15° giornata. Il punto sugli infortuni, la Fiorentina a un passo dal nuovo attaccante. Nuovo acquisto per l'Olimpia Milano.

Scritto da  Dic 03, 2021

SERIE A, I RISULTATI DEI POSTICIPI - Termina 2-2 la partita delle 18:30 fra Torino ed Empoli. Partono forte i granata che al 15° minuto del primo tempo sono già in vantaggio per 2-0 grazie alle reti di Tommaso Pobega e Marko Pjaca; poi al 32° un fallaccio di Wilfried Singo viene inizialmente punito con il giallo dal direttore di gara Andrea Colombo, che successivamente, richiamato dal Var, cambia il colore del cartellino da giallo a rosso.  Con l’Empoli in superiorità numerica ci pensa il capitano dei toscani Simone Romagnoli ad accorciare le distanze al minuto 34. Il secondo tempo è un assedio della squadra ospite, con il Torino che riesce a contenere gli attacchi avversari fino al 72°, quando il colpo di testa di Andrea La Mantia sigilla il 2-2 finale.

Pioggia di goal e cartellini nell’ultima gara della 15° giornata di Serie A: all’Olimpico finisce 4-4 fra Lazio ed Udinese. Nel primo tempo la squadra di casa cerca di fare la partita, ma è l’Udinese a concretizzare, portandosi sul 2-0 al 32° minuto grazie alla doppietta di Beto. La risposta della Lazio arriva 2 minuti dopo con il solito Ciro Immobile, ma al tramonto della prima frazione i friulani si riportano sul +2 grazie alla rete di Nahel Molina. Nel secondo tempo non cambia il canovaccio della partita, se non per la precisione della Lazio nelle conclusioni: al 56° infatti i biancocelesti portano la partita sul 3-3 grazie alle reti di Pedro e Milinkovic-Savic. Neanche il tempo di esultare è la Lazio si trova a fare i conti con l’inferiorità numerica, perché al 57° arriva il secondo giallo per Patric; parità numerica che viene ristabilita già al 69° minuto, quando Nahuel Molina è costretto lasciare il campo anche lui per doppia ammonizione. Al 79° minuto poi la Lazio riesce a ribaltare la partita, con il goal di Francesco Acerbi su calcio di punizione battuto da Toma Basic. Sembra finita ma invece non è così: al 93° minuto Immobile si vede annullare per fuorigioco la rete del 5-3, e 6 minuti più tardi Tolgay Arslan trova l’incredibile goal del 4-4. Ma l’arbitro Piccinini non è convinto e viene richiamato al Var: nel mentre il centrocampista bianconero Walace esagera con le proteste e viene anche lui espulso. Il Var convalida la rete dell’Udinese, e dopo 11 minuti di recupero, l’arbitro dà il triplice fischio finale.

SERIE A, SITUAZIONE INFORTUNI - Il turno infrasettimanale di Serie A è stato caratterizzato da alcune sorprese, su tutte il pareggio a Reggio Emilia del Napoli contro il Sassuolo, ma anche da parecchi infortuni. Ad uscirne peggio è proprio la squadra di Luciano Spalletti, che oltre ai già noti Victor Osimehn e Zambo Anguissa, perde anche il suo leader difensivo Kalidou Koulibaly, uscito all’80° minuto della sfida contro i neroverdi. Per il centrale senegalese gli esami hanno evidenziato una distrazione di secondo grado al bicipite femorale sinistro, il che si traduce in almeno 4/5 settimane di stop. 2021 finito dunque per Koulibaly, che con la Coppa d’Africa a gennaio tornerà a disposizione di Spalletti soltanto a febbraio. Meno grave la situazione invece per Fabian Ruiz e il capitano Lorenzo Insigne, sostituiti anche loro per problemi muscolari, che restano comunque in dubbio per la sfida di sabato prossimo contro l’Atalanta. 

Problemi in difesa anche per il Milan, che perde a tempo indefinito Simon Kjaer. Danni al legamento del ginocchio sinistro per il difensore danese, che verrà operato già nella giornata di domani; in ogni caso, si tratterà di uno stop molto lungo, con il Corriere della Sera che parla addirittura di una possibile stagione finita per Kjaer. 

La Roma perde anche Stephan El Shaarawy: uscito al 52° minuto della sfida contro il Bologna, l’esterno dovrà stare fermo almeno 20 per una lesione al polpaccio destro. Anche per lui, dunque, finisce qui il 2021, con Josè Mourinho che conta di ritrovarlo insieme a Lorenzo Pellegrini dopo la sosta natalizia. 

FIORENTINA, IKONÈ AD UN PASSO - Stando a quanto riporta La Gazzetta dello Sport, la Fiorentina starebbe definendo i dettagli per l’acquisto di Jonathan Ikonè, esterno offensivo del Lille. Il francese dovrebbe arrivare a Firenze nella sessione di mercato di gennaio per una cifra intorno ai 15 milioni di euro, più una percentuale sulla futura rivendita da corrispondere ai Campioni di Francia in carica. Prima alternativa a Domenico Berardi, non è da escludere che Ikonè arrivi per sostituire Dusan Vlahovic, su cui è piombato anche l’interesse del Manchester City. 

OLIMPIA MILANO, ARRIVA BENTIL - L’Olimpia Milano ha ufficializzato quest’oggi l’ingaggio di Ben Bentil, ala grande/centro proveniente dal Bahçesehir Koleji Istanbul. Nato in Ghana in 29 marzo 1995, Bentil ha vissuto i suoi anni migliori fra il 2018 e il 2021 in Grecia, prima con la casacca del Peristeri, poi per due anni con quella del Panathinaikos con cui ha vinto 2 campionati e 1 coppa di Grecia, oltre a giocare in Eurolega. “Ricevere la chiamata di un club di questo livello, poterlo aiutare a raggiungere i traguardi che intende raggiungere rappresenta già una fortuna” ha raccontato il cestita ghanese, “Per me personalmente si tratta di una grande opportunità che intendo sfruttare al meglio”.