L'uomo della partita - Gary Medel Bologna FC

L'uomo della partita - Gary Medel

Scritto da  Dic 06, 2021

Doveva essere la partita della consacrazione, la gara dal sapore europeo: davanti a più di quindici mila persone, il Bologna viene battuto in casa dalla Fiorentina, in un derby dell'Appennino pieno di emozioni. Finisce 3-2 per la squadra di Vincenzo Italiano, allenatore che ha cambiato totalmente il volto della Viola. Sicuramente per i rossoblù ha pesato l'assenza di Marko Arnautovic, così come detto dallo stesso Mihajlovic: "E' mancato nella sfida più difficile". Dopo un primo tempo abbastanza equilibrato, la ferocia agonistica degli ospiti ha avuto la meglio sui padroni di casa, che dal centrocampo in avanti hanno creato poco se non quando sono state effettuate le prime sostituzioni. Tra i rossoblù spicca la prestazione di livello, l'ennesima, da parte di Gary Medel. La sua trasformazione da centrocampista a difensore è ormai conclusa: ieri, i tre gol subiti dal Bologna, il cileno è stato comunque decisivo con una grande gara. Diversi anticipi, un'intelligenza tattica che si conferma fondamentale per i meccanismi tecnico-tattici del reparto arretrato rossoblù e Vlahovic che, a parte il rigore, non ha avuto vita facile frutto del grande lavoro in fase di copertura proprio del Pitbull. E' lui dunque l'uomo partita della squadra rossoblù che, dopo una stagione travagliata, ha finalmente trovato il suo leader difensivo.

L'uomo della partita: Gary Medel

Federico Calabrese

Classe 2000, studia presso l'Università di Bologna. Prima di entrare in 1000cuorirossoblu ha scritto per Numero-Diez, Mondoprimavera e Jzsportnews. In passato ha lavorato anche con Gazzamercato e Vocegiallorossa. Ha partecipato al Workshop di Giornalismo Sportivo, che ha visto come docenti Xavier Jacobelli e Alessandro Iori. Appassionato di calcio in tutte le sue sfumature, cerca di raccontare il lato romantico dello sport.