Bologna Fc - Presentata la biografia di Renato Dall'Ara, presenti Lepore e Fenucci

Scritto da  Dic 06, 2021

Si è tenuta oggi, presso la Sala Stampa dello Stadio Renato Dall’Ara, la presentazione del volume “Dall’Ara - Renato sono io” di Marco Tarozzi, edito da Minerva per la collana ufficiale del Bologna Fc 1909 “Inchiostro rossoblù”. A presenziare l’evento il Sindaco Matteo Lepore, Claudio Fenucci e Stefano Dall’Ara. Il volume va così a colmare una lacuna nella collezione, trattandosi di una biografia del presidente più longevo e vincente della storia Rossoblù.

All’inizio della conferenza ha preso parola l’AD Claudio Fenucci, che ha ricordato come quello di allora era un calcio più umano, dove la competenza era più decisiva rispetto ad ora. Nel libro vengono raccontati come sono cambiati i rapporti di forza tra società e giocatori, l’evoluzione dei rinnovi contrattuali. Il Bologna era la famiglia del presidente. 

Successivamente ha preso parola il Sindaco Lepore, congratulandosi con l’autore, l’editore, la società e la famiglia Dall’Ara. Lepore ha sottolineato l’intento divulgatore del libro, per avvicinare la città ancor più alla squadra. Un presidente che ha aiutato la squadra e la città a rialzarsi nel periodo post-guerra. Una figura quasi mitizzata dalla città, al pari di Dozza nella politica. Grande merito va dato a queste due figure per l’attaccamento dei cittadini alla città ed al Bologna, passione che poi sono riusciti a passare i figli, allungando questa tradizione cittadina. 

Stefano Dall’Ara parla di come il libro abbia permesso a lui di scoprire Renato, essendo il Presidente morto quando lui aveva un anno. Nel libro non ci sono rivelazioni sconvolgenti, ma si parla di eventi significativi. Per esempio, del ruolo della moglie del Presidente che fu decisiva per la vittoria dello scudetto dopo la morte di Renato. La squadra stava per non giocare, prima dell’intervento della moglie, la Lella, che convinse i giocatori. Decisivo è stata anche l’aiuto di Romano Fogli, passato ora a miglior vita, che nonostante lo stato di salute cagionevole ha voluto comunque collaborare alla stesura parlando di Renato, suo testimone di Nozze. 

L'autore, Marco Tarozzi, ha parlato di come nel libro vengono raccontati i rapporti tra Dozza e Dall’Ara: grandi amici, giocavano a carte all’Hotel Pedretti di Casalecchio, ma che non temevano stuzzicarsi. Chiaro esempio fu la chiusura della curva da parte del Sindaco Dozza prima dell’intervento dell’allora presidente della FIGC che agì da calmiere. Se nella seconda parte del libro ci sono delle testimonianze su Renato, nella prima parte c’è un flashback che ripercorre la sua vita dal punto di vista del Presidente Dall’Ara. Nel libro vengono anche fatte alcune delucidazioni sulla storia di Dall’Ara prima del Bologna. Come la sua decisione di non studiare all’università, per via della sua mentalità imprenditoriale, o la sua passione per il Bologna che lo portava tutte le domeniche allo Stadio e che spesso lo portava a seguire i colori rossoblù anche in trasferta. 

Il 14 dicembre, presso la Sala Borsa, il volume verrà presentato al pubblico.

 

Nicolò Leva

Appassionato di sport, dal calcio al football americano, dal tennis ai motori. Da buon laureato in economia cerco e racconto i numeri che si nascondono dietro ogni avvenimento.