Marko Arnautovic Marko Arnautovic fonte immagine: Damiano Fiorentini / 1000cuorirossoblu.it

Il Resto del Carlino - Bologna, Arnautovic tenta il recupero lampo in vista del Toro

Scritto da  Marco Canestrelli Dic 08, 2021

In vista della partita di domenica contro il Torino, Sinisa Mihajlovic ha concesso un giorno di riposo ai suoi ragazzi per ricaricare le energie. Tutti allora a godersi famiglia e tempo libero, tranne uno. 

Marko Arnautovic, stella della squadra rossoblù, si è allenato ieri con il preparatore atletico per tentare un recupero lampo in vista della trasferta granata. 

Il problema risale alla sfida contro la Roma, dove al quarto d’ora di gioco il numero 9 si è accasciato a terra per un dolore ai muscoli flessori della coscia sinistra. Un infortunio che si portava dietro da prima dell’inizio degli Europei e che, vista la sua reazione, aveva inizialmente fatto credere a una lesione, che avrebbe potuto tenerlo fuori dal campo per 3-4 settimane. 

Nei giorni successivi all’infortunio, il bomber ha svolto terapie e ieri ha iniziato a correre. Segnali dunque incoraggianti, ma solo nella giornata di domani sarà possibile capire le sue vere condizioni.

L’obbiettivo e la speranza dei tifosi, oltre che di Mihajlovic, è quello di rivederlo in campo già contro il Torino. Arnautovic, come scritto da Marcello Giordano nel Resto del Carlino, è il vero pilastro della squadra. Non a caso è il miglior marcatore, con 6 gol e 1 assist in 14 presenze, e il giocatore più pagato nella storia del Bologna (2,7 milioni più bonus). 

Mihahlovic lo aspetta, ma non correrà rischi: Arna sarà della partita solo in caso di recupero certo, altrimenti spazio a Barrow come prima punta (secondo miglior marcatore con 5 reti) e si attenderà la sfida casalinga contro la Juventus per rivederlo in campo. 

Sarà fondamentale per la squadra recuperare al più presto la punta austriaca, che perderà Barrow a gennaio per la Coppa d’Africa e che vede il digiuno di Orsolini, a secco dal 23 maggio scorso, Skov Olsen (ultima volta in gol il 23 marzo), Sansone dal 27 febbraio e Santander dalla partita contro il Cagliari del 30 ottobre 2019. 

Chissà che non possano arrivare rinforzi in attacco nella prossima finestra di mercato, ma sarà fondamentale monetizzare e soprattutto rimanere attaccato alla testa della classifica.

 

Fonte: Marcello Giordano, Resto del Carlino