The Duel - Hickey vs. Rogério crediti immagine: Damiano Fiorentini per 1000 cuori rossoblu

The Duel - Hickey vs. Rogério

Scritto da  Dic 20, 2021

Ultima partita del girone di andata per il Bologna, che tra due giorni andrà in trasferta a Reggio Emilia per affrontare il Sassuolo di Alessio Dionisi.
I rossoblù vengono da tre sconfitte consecutive, mentre il Sassuolo non perde dal 7 di Novembre.
La squadra di Dionisi ha saputo mettere in grande difficoltà squadre come il Milan, il Napoli, la Lazio e la Juventus, motivo per cui la partita di mercoledì sarà tutt’altro che semplice per il Bologna.
Serve più cinismo sotto porta, è questo ciò che è mancato molto contro la Juventus.

Ad ogni modo, Sassuolo-Bologna vedrà anche confrontarsi due giovani terzini sinistri, quali Aaron Hickey per i rossoblù, e il brasiliano Rogerio per i neroverdi.

Rispetto a Hickey, Rogerio ha giocato meno in questo girone di andata, alternandosi spesso con Kyriakopoulos, ma mercoledì dovrebbe essere il turno del brasiliano.
Hickey, dall’altra parte, nonostante la giovane età (classe 2002) si è preso il posto fisso da titolare quest’anno, dopo che la scorsa stagione era dovuto stare fuori diversi mesi per un problema alla spalla.

Entrambi esterni sinistri, possono essere schierati sia in difesa sia a centrocampo, e lo scozzese, in caso di necessità, può anche essere schierato sulla fascia destra.
Hickey si sta adattando bene al campionato italiano, ma la fase che predilige sicuramente di più è quella offensiva, e lo dimostrano le tre reti messe a segno quest’anno, mentre Rogerio dà il meglio di sé nella fase difensiva, e non è un esterno con il gol addosso (solo 2 reti in 89 presenze con il Sassuolo).

Non essendo due terzini molto fisici, non spiccano nei duelli aerei (media che si aggira attorno allo 0,5 di duelli aerei vinti a partita, per entrambi), e non sono particolarmente abili nei colpi di testa.

Sono, però, discretamente precisi nei passaggi, con una media di precisione dell’85% sia per lo scozzese sia per il brasiliano.
Entrambi sono soliti effettuare passaggi corti come stile di gioco, ma Rogerio non disdegna nemmeno i lanci lunghi, con una media di 2,3 passaggi lunghi per gara (contro lo 0,5 di Hickey che invece predilige solo i passaggi corti).
Di contro, nessuno dei due è particolarmente dotato nei cross: addirittura lo scozzese ha una media di 0,1 cross per gara, dato abbastanza eloquente.

Sono entrambi molto abili nella corsa, in particolare lo scozzese ha mostrato una grande progressione palla al piede, e infatti si è dimostrato un terzino prettamente offensivo, discretamente abile anche nel dribbling.

Venendo alle qualità difensive, come detto precedentemente, a spiccare tra i due qui è Rogerio.
Il brasiliano prevale nei contrasti e, soprattutto, nei palloni spazzati, segno che l’esterno del Sassuolo è un giocatore prettamente difensivo, al contrario proprio dello scozzese.
Dal canto suo, Hickey è in crescita sotto tutti i punti di vista, e ha l’età dalla sua parte, motivo per cui è lecito aspettarsi un miglioramento anche dal punto di vista della fase di copertura.

Insomma, un duello tutto da vivere, ma soprattutto, una partita tutta da seguire, quella tra il Bologna di Mihajlovic e il Sassuolo di Dionisi.
Due squadre interessanti, che si affronteranno in uno dei tanti derby dell’Emilia.
La speranza, per i tifosi rossoblù, è quella di un ricevere in regalo 3 punti dopo le tre sconfitte consecutive arrivare negli ultimi 20 giorni.

Parola al campo.

(Fonte: Whoscored)

Deborah Carboni

Aspirante giornalista sportiva con il Bologna nel cuore. Studentessa di Scienze della Comunicazione.