La Gazzetta dello Sport - Classe 2002, Aaron Hickey è la vera sorpresa del fantacalcio crediti immagine: Damiano Fiorentini per 1000 cuori rossoblu

La Gazzetta dello Sport - Classe 2002, Aaron Hickey è la vera sorpresa del fantacalcio

Scritto da  Luca Bassi Dic 24, 2021

Hickey”, in inglese “bacio aggressivo, morso d’amore”. Il bacio che tutti i fantallenatori che hanno scommesso su di lui ora vorrebbero dare al terzino del Bologna. Hickey ha segnato fin qui 4 reti, nei match contro Genoa, Lazio, Fiorentina e Sassuolo, un bottino notevole per un difensore che molti al fantacalcio avranno pagato a prezzi “low cost”.
Mihajlovic si gode il suo baby-talento, dopo averlo difeso l'anno sorso in quella che era la sua prima esperienza in Italia: “Hickey è uno con le palle. Può sbagliare, è giovane. Mi arrabbierei di più sbagliasse un giocatore di trent’anni”. Così parlava Sinisa.

Lo scozzese è stato acquistato dal Bologna per 2 milioni durante il mercato estivo del 2020, dal Heart of Midlothian. La prima stagione non è stata delle migliori, solamente undici partite e tanta fatica ad affermarsi. A complicare i piani ci hanno pensato il Covid ed un infortunio rimediato ad aprile, che costrinse Hickey a terminare anzitempo la stagione.

Quest’anno la musica è cambiata, ed i fantallenatori che ci hanno puntato ancora ora si godono numeri da top player. Otto partite da titolare su diciannove, oltre ai già citati 4 gol Hickey tra i giocatori del Bologna è al terzo posto come tiri in porta, al quarto come palloni rubati e intercettati ed è quello con più dribbling riusciti. 

Ad oggi definirlo un terzino pare riduttivo. La crescita è costante, sa calciare con entrambi i piedi ed ha imparato a gestire la pressione che da sempre lo tormentava prima dei match quando era in Scozia.
Per lui la Serie A è “il torneo più bello del mondo” e sull’avversario più forte affrontato su quella fascia non ha dubbi: “Hakimi”.
Aaron Hickey è il quarto giocatore scozzese della storia a segnare in Serie A, prima di lui Graeme Souness, Joe Jordan e Dannis Law. I fantallenatori sperano continui su questi numeri, consapevoli che all’asta dell’anno prossimo non sarà più una semplice sorpresa.

Fonte: Francesco Pietrella, La Gazzetta dello Sport