Mihajlović: "Fatti passi in avanti. Quando non puoi vincere è importante non perdere" crediti immagine: bolognafc.it

Mihajlović: "Fatti passi in avanti. Quando non puoi vincere è importante non perdere"

Scritto da  Samuele Tagliente Feb 06, 2022

A fine partita Sinisa Mihajlovic ha detto la sua, intervistato da Dazn, riguardo il match contro l’Empoli, conclusosi con un pareggio a reti bianche non molto utile ai fini della classifica. 

"Penso che rispetto alle ultime partite abbiamo fatto un piccolo passo in avanti, i ragazzi hanno cercato di vincere in tutti i modi fino all’ultimo. Potevamo vincerla, ma anche perderla. Sappiamo che l’Empoli fuori casa è micidiale, perciò quando non puoi vincere è importante non perdere. Abbiamo tuttavia recuperato alcuni giocatori, abbiamo lavorato bene durante la sosta e stiamo recuperando la miglior condizione fisica. Non siamo ancora al 100% ma dobbiamo continuare così, alzare l’intensità e fare ciò che abbiamo fatto nel girone di andata. Visto tutto quello che è successo nell’ultimo mese, credo sia un passo in avanti. Ovviamente tutti volevamo noi volevamo vincere".

Sull'aver sfruttato poco i cross in area: "Dipende molto dalla condizione fisica, i quinti sono quelli che scendono di più, in primis devono difendere e poi accompagnare l’azione chiudendo sul secondo palo. Sulla sinistra avevo Vignato che è un attaccante ed ha fatto un’ottima gara, ma non ha le caratteristiche per fare quel lavoro tutta la partita. Magari sì abbiamo fatto quindici cross, ma nelle situazioni in cui avremmo dovuto metterla in mezzo abbiamo tirato, come quella di Dijks o in altre situazioni. Come ho detto, dobbiamo lavorare e ritrovare la condizione fisica".

Infine il focus si sposta su Vignato e sul nuovo ruolo a sinistra, che potrebbe magari continuare ad essere una soluzione per il futuro: "Ha fatto bene, magari non è quinto ma avevamo solo lui ed ha fatto quello che doveva fare. Ha difficoltà  a fare sempre su e giù lungo la fascia, quindi se poi arriva sulla trequarti, dove lui ha le qualità per far bene, ci arriva stanco. Se corre di più incide di meno, ma ha fatto una buona gara".