Musa Barrow  Musa Barrow Damiano Fiorentini per 1000 Cuorirossoblù

Stadio - Mihajlovic mette Barrow al centro dei suoi moduli

Scritto da  Giu 04, 2022

In piena riflessione sui moduli del futuro (3 4 3 o 3 4 1 2), Sinisa Mihajlovic ha già delle certezze e una di queste si chiama Musa Barrow. Musa può essere (e sicuramente sarà) perno centrale per entrambi i moduli, sia come attaccante esterno o seconda punta, permettendogli così di poter aumentare la sua efficacia in zona gol.

Già l'efficacia in zona gol: nella stagione appena finita solo 6 i centri nella porta avversaria, pochi troppo pochi per un giocatore che ha tanta qualità nei piedi e un fisico che gli può permettere di vincere degli "uno contro uno", creando così superiorità numerica e portando scompiglio nelle aree avversarie. Ma la terza stagione in rossoblù è stata la meno prolifica in assoluto in termini di realizzazioni: 9 gol nella primo campionato (dove però ha disputato solo 18 partite), vero exploit, e 8 nel secondo. La terza stagione porta una scia di giustificazioni (Covid prima e poi Coppa d'Africa, dove Musa è stato il vero trascinatore della sua squadra), ma 6 reti sono veramente troppo pochi per un giocatore della sua qualità.

Per questo il prossimo campionato, il sesto in serie A per il gambiano, dovrà essere quello della consacrazione definitiva, visto che il classe '98 ex Atalanta, compirà 24 anni a novembre e, pur se ancora molto giovane, dovrebbe avere raggiunto quel grado di maturità che gli dovrebbe comportare quel salto di qualità che a Casteldebole tutti si aspettano. A partire dai gol: arrivare in doppia cifra sarebbe un obiettivo stagionale alla sua portata, grazie al quale anche il Bologna potrebbe aspirare a scalare posizioni di classifica.

 

(Fonte Giorgio Bureddu - Stadio)

Torben Grael

Amante delle profondità umane e ricercatore delle motivazioni che muovono l'universo mondo, ama lo sport di squadra e ogni sua evoluzione possibile, la musica AOR e tutto quanto si chiama "PROSPETTIVA"