Matteo Lovato Matteo Lovato Calcio News 24

Stadio - Calciomercato Bologna Fc 1909: Lovato dice si alla corte del Bologna

Scritto da  Giu 18, 2022

Era una richiesta di Sinisa Mihajlovic, quella di avere un vice Medel, un prospetto da far crescere lentamente ma non lesinando, ove possibile, le presenze in squadra, per essere pronto ad ereditare la maglia del cileno, quando l'anno prossimo se ne andrà, per scadenza di contratto.

Al di là della qualità di Matteo Lovato (22, quasi 50 apparizioni in serie A e 12 con la maglia della nazionale U21), si sta costruendo un'operazione di di prospettiva e di organizzazione: prevedere e non rincorrere, è il nuovo "mantra" dell'area Tecnica rossoblù, dentro al quale si possono trovare anche le volontà di rinnovare i migliori giovani (Dominguez, Schouten, Theate, Emanuel Vignato, Barrow ed altri) che oggi compongono e domani comporranno l'ossatura del Bologna.

Lovato, ultima maglia indossata quella rossoblù del Cagliari, avrebbe scelto Bologna per il suo salto definitivo, quello che lo consacrerebbe nel calcio che conta, e col Bologna avrebbe già trovato l'accordo: adesso occorre convincere l'Atalanta, di cui Giovanni Sartori era, fino ad un mese fa, il Direttore Sportivo, a cedere il giovane difensore al sodalizio felsineo. 

Così Lovato ha superato la "concorrenza" di Goldaniga, Sutalo e Caldara, anche grazie al neo DT rossoblù e i suoi rapporti con Percassi, Direttore che in queste settimane ha lavorato senza sosta su alcuni obiettivi, fra cui Lovato (che sarebbe a titolo definitivo, si tratta solo di trovare la formula giusta), per dare a Mihajlovic un rosa competitiva, già a partire da Pinzolo.

Si segnala che Matteo, pur giovanissimo, ha già esordito anche in Champions League, con la Dea, contro il Manchester United, all'Old Trafford. Di quella sera, questo gigante di quasi un metro e novanta centimetri, ricorda l'emozione:"Una serata complicata emotivamente, ma ero pronto. Il Mister e i compagni mi hanno aiutato con consigli importanti. Ero molto concentrato,  poi il giorno dopo ho realizzato e sono stato orgoglioso". Un ragazzo equilibrato, su cui investire, per il futuro della difesa rossoblù.

(Fonte Giorgio Burreddu, Stadio)

 

Ultima modifica il Lunedì, 20 Giugno 2022 11:53
Torben Grael

Amante delle profondità umane e ricercatore delle motivazioni che muovono l'universo mondo, ama lo sport di squadra e ogni sua evoluzione possibile, la musica AOR e tutto quanto si chiama "PROSPETTIVA"