Mondo Primavera: Bologna-Vicenza 1-0 (Le foto dell'incontro)- 13 feb

Scritto da  Ciro Brillante (Foto Valentino Orsini) Feb 13, 2016

Minimo sforzo, massima resa. Grazie ad una rete di Persano siglata ad inizio gara, il Bologna di mister Colucci si aggiudica l'intera posta in palio nel match contro il Vicenza valido per la diciottesima giornata di campionato. I baby rossoblù fanno valere la legge del "Cavina" centrando il quarto risultato utile consecutivo tra le mura amiche, un risultato che addolcisce il palato in seguito al k.o. rimediato in terra romagnola nel derby con il Cesena dell'ultimo turno.

 

LE SQUADRE

Nella distinta balza all'occhio il ritorno all'ovile di Antonio Calabrese. Il bomber classe 1996, reduce da un'esperienza non troppo fruttuosa in Lega Pro con la casacca dell'Arezzo, viene schierato dal primo minuto al centro del tridente rossoblù. Mister Colucci gli affianca Souare e Persano. Maglia da titolare anche per Gulinatti, Krivicic e Silvestro, che vanno ad erigere la diga di centrocampo, e per Brignardi, centrale del '98.

C'è un solo '98 nell'undici titolare degli ospiti contro i cinque di parte felsinea: si tratta dell'esterno mancino Dal Dosso. Nello schieramento vicentino prevalgono i ragazzi del '97, che prendono posto nel 3-5-2 stabilito da mister Fortunato, alla caccia di tre punti corsari dopo la sconfitta interna con il Perugia.

 

IL PRIMO TEMPO

Pronti, via, e il Bologna sblocca l'incontro. Approfittando di una dormita della retroguardia biancorossa, Mattia Persano, a secco di gol dalla prima giornata, controlla in area un cross proveniente dalla sinistra e anticipa di testa il portiere Dall'Anico.

I padroni di casa ci riprovano con Silvestro nell'azione successiva, questa volta con minor fortuna. Al 15' conclude anche Moussa Souare, ma il rasoterra dell'attaccante rossoblù, capocannoniere della squadra con sei reti, viene addomesticato senza problemi dall'estremo difensore vicentino.

La partita si spegne rapidamente. Il gioco è spezzato dai molti falli, fattore che favorisce un Bologna in assoluto controllo e forte di un tasso tecnico superiore a quello degli avversari. Il Vicenza dimostra di produrre poche idee e si affida quasi esclusivamente ai lanci lunghi indirizzati dalle retrovie all'ariete Bortoluz, mal supportato dai compagni di squadra.

Al 34' arriva la prima occasione di marca biancorossa: Dal Dosso serve di testa Bortoluz, il centravanti ospite entra di prepotenza in area e scarica un tiro a fil di palo che si infrange sui guantoni di Sarr.

Il primo tempo si chiude tra gli sbadigli. Il Vicenza ha il demerito di non incutere la benché minima apprensione ai padroni di casa, il Bologna quello, ancor più grande, di non prodigarsi per mettere in cassaforte il risultato.

 

IL SECONDO TEMPO

L'allenatore ospite inaugura i secondi 45' con una sostituzione: fuori uno dei tre centrali, Pinton, dentro l'ala destra Bonaccorso, che si rivelerà il più propositivo del secondo tempo. Difesa a quattro per il Vicenza, che prova ad alzare il baricentro, in parte riuscendoci.

Al 57' per i rossoblù entra Saporetti; finisce la partita di Calabrese, protagonista di qualche sponda e poco più. La partita comincia a scrollarsi di dosso qualche velo di torpore dieci minuti dopo. Prima è il Bologna a rendersi pericoloso con Souare, bravo a liberarsi in occasione di una rimessa laterale in zona offensiva e ad esplodere un destro molto potente ma non altrettanto angolato; sulla respinta del portiere si avventa Saporetti che spara addosso al numero uno ospite. Tocca quindi al Vicenza: Bonaccorso verticalizza per Cecconello, il quale dall'out di destra fa partire un traversone basso che Bortoluz non riesce ad impattare, fallendo così una sorta di calcio di rigore in movimento.

Gli ospiti aumentano pressione e ritmo alla ricerca del pari. Il Bologna si affida al contropiede, anche se l'ultima vera opportunità rossoblù si verificherà sugli sviluppi di un corner alla mezzora, quando Persano impatta di testa e Dall'Anico smanaccia fuori. Al 35' il Vicenza trova la via della rete con Bortoluz, ma il direttore di gara annulla tutto perché, a suo avviso, il pallone crossato da calcio d'angolo aveva superato la linea di fondo prima di rientrare nei limiti del rettangolo di gioco e trovare la testa della punta ospite.

Il gol annullato è sintomo di un assalto biancorosso che costringe la squadra di casa alla difensiva. Colucci decide di coprirsi gettando nella mischia Trovade e Goh al posto di Souare e di Silvestro. Tenta l'all-in il Vicenza, che negli ultimi scampoli di gara fa salire in attacco persino lo stopper Sgarbi, incaricato di fungere da torre offensiva. Soffrono più del dovuto i rossoblù, che al triplice fischio possono lasciare il terreno del "Cavina" soddisfatti per i tre punti, un po' meno per una prestazone complessiva che, in caso di 1-1, di certo non avrebbe fatto gridare allo scandalo.

 

BOLOGNA-VICENZA 1-0

Marcatore: 3' Persano

 

BOL (4-3-3): Sarr (Cap.); Tazza, Brignardi, Cestaro, Rizzo; Silvestro (84' Goh), Krivicic, Gulinatti; Persano, Calabrese (57' Saporetti), Souare (80' Trovade).

A disp: Monari, Colli, Negri, Cozzari. All: Colucci

 

VIC (3-5-2): Dall'Anico; Sgarbi, Denoleon, Pinton (46' Bonaccorso); Bianchi, Facioni (Massaro), Paganin (64' Crestani), Coulibaly, Dal Dosso; Cecconello, Bortoluz.

A disp: Rausa, Boesso, Cestaro, Pizzolato, Donadello. All: Fortunato

 

Arbitro: Sig. Cipriani di Empoli

Ammoniti: Silvestro (B), Coulibaly (V), Paganin (V), Crestani (V)


Ultima modifica il Sabato, 27 Agosto 2016 18:59