×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 54

RS – Rdc – Laribi cerca la “rivincita” contro Catellani -21 nov

Scritto da  Nov 21, 2014

Karim Laribi non è poi così lontano a diventare quel calciatore che lasciava pensare di essere ad inizio carriera. Il gap da colmare tra eterna promessa e campione non è così abissale, ma centinaia e centinaia di talenti che erano in procinto di ricevere la consacrazione, sono caduti in quel burrone che divide la due dimensioni. Per colmare questo gap, il trequartista del Bologna deve darsi solo due semplici obiettivi: confermare quanto fatto fin qui e aggiungere quel quid in più: il goal. Laribi comunque fin qui è il giocatore rossoblù con il migliore rendimento. Insieme a Francelino Matuzalem, Karim è l'architetto del gioco del Bologna. Non c'è pallone che non passa dai suoi piedi , punto di arrivo e di partenza di tutte le azioni. In una sola parola: insostituibile. Lo dimostrano i numeri: 14 presenze su 14 partite in campionato e tutte da titolare, per un totale di 1226 minuti che ne fanno il giocatore più impiegato nella rosa.

 

Karim però non si deve accontentare del voto più alto e degli elogi positivi, deve puntare alla lode. Per spingere il Bologna in alto e per svoltare una carriera arrivata a quel fatidico burrone. Gli serve segnare di più, meglio ancora segnare goal decisivi come i due fatti fin qui contro Cittadella e Trapani che sono valsi 6 punti per il Bologna. E' il momento del grande salto dopo le varie occasione perse col Sassuolo e, l'anno scorso, con il Latina. Curioso come domani le strade del calcio rimetteranno di fronte Laribi e Catellani, suo compagno di squadra proprio nel Sassuolo che vinse il campionato di B. Era la stagione 2012-13, una stagione che i neroverdi faranno fatica a dimenticare perché all'ultima giornata hanno conquistato la prima storica promozione. Karim di quella squadra era soltanto una riserva, perché l'allenatore Eusebio Di Francesco gli preferiva sempre altri, e spesso Catellani. Quest'ultimo protagonista della promozione con 6 reti in 34 presenze. Per Laribi, invece, solo la miseria di 9 apparizioni, la prima delle quali addirittura il 16 febbraio, quando sostituì lo stesso Catellani proprio nel match contro lo Spezia. Si trattava di un ritorno dopo 16 mesi di assenza per vari infortuni. Ma Karim perse quel treno per la gloria, complice anche una concorrenza spietata che vedeva nomi come Berardi, Boakye, Pavoletti e pure Troianiello, suo attuale compagno di squadra.

Domani potrebbe essere il giorno giusto per prendersi una “rivincita” contro Catellani, anche se il trequartista dello Spezia è in dubbio per una lesione muscolare che l'ha tenuto fuori per tre gare. Anche se non ci sarà un confronto diretto, Laribi deve dimostrare sul campo che è più forte e che può essere l'arma in più per il Bologna per il presente e il futuro.

Ultima modifica il Sabato, 27 Agosto 2016 21:03