×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 54

Stampa questa pagina

RS - Rdc - Emergenza a centrocampo: Buchel rientrerà soltanto nel 2015 - 18 nov

Scritto da  Nov 18, 2014

Brutte notizie per il Bologna. Buchel tornerà solo nel 2015. Gli esami hanno evidenziato che il centrocampista austriaco ha riportato una lesione di secondo grado (parziale) al legamento collaterale mediale del ginocchio destro. La buona notizia è che la distorsione provata da Olivera non ha coinvolto il crociato e quindi il calciatore non dovrà sottoporsi ad intervento chirurgico per ristabilizzare l'articolazione, cosa lo avrebbe tenuto fuori per tutta la stagione. Lo stop previsto è invece di un mese e mezzo: sarà così costretto a saltare sette partite che il Bologna sarà chiamato ad affrontare da qui a fine anno contro Spezia, Bari, Catania, Frosinone, Avellino, Pro Vercelli e Lanciano. Il centrocampista non rientrerà prima della gara di ritorno con il Perugia prevista per il 17 gennaio, dopo la sosta. Per Lopez rappresenta un vero problema, perché Buchel è il quarto giocatore più impiegato in rosa con 1030 minuti in campo dopo Laribi, Cacia e Matuzalem. Inoltre a Casteldebole c'è una vera e propria emergenza a centrocampo per le sfide cruciali con Spezia, Bari e Catania. Anche Casarini, infatti, non è al meglio della condizione e non potrà essere a disposizione fino alla gara con il Catania del 6 dicembre. Si aggiunga che Perez sta tornando piano piano ai livelli di un tempo, ma non è ancora pronto, risultato: Lopez a centrocampo ha gli uomini contati. Se il tecnico uruguaiano pare intenzionato a confermare il 4-3-1-2 potrà contare su Bessa o provare Improta in quella posizione. Oppure riciclare Abero come mezzala, o ancora provare a rilanciare Radakovic, fino nel dimenticatoio. A meno che Lopez decida, vista l'emergenza, di passare al 4-2-3-1 o al 4-4-2 con due centrali di centrocampo. Nei prossimi giorni saranno più chiare le sue intenzioni.

La ricetta di Lopez, da quello che si è visto ieri nell'allenamento, è silenzio e lavoro. Nessun confronto con la squadra dopo la sconfitta con il Brescia, ma tanta concentrazione sul lavoro atletico e sul recupero delle energie. Equilibrio e ricerca dell'intensità e continuità perdute, sono le parole d'ordine che regnano a Casteldebole. Il Bologna è atteso da delle sfide cruciali a partire da sabato con la Spezia. Sfide che potranno dire molto del futuro della squadra e del tecnico.

Ultima modifica il Sabato, 27 Agosto 2016 21:04