RS - STADIO: Un Bologna di carattere piega la Ternana - 24 set

Scritto da  Set 24, 2014


Il Bologna torna da Terni con tre punti che valgono oro, considerando che va a prenderseli in trasferta e contro una squadra in grande forma. Ben altra idea dava il team di Lopez, reduce dalla grigia prova contro il Crotone che aveva spento quegli entusiasmi nati dopo la prima vittoria stagionale a Pescara. È evidente che, almeno per il momento, questo Bologna gioca meglio lontano dal "Dall'Ara", così come è evidente che più all'America dove tutti guardano speranzosi in un futuro all'altezza di un glorioso passato, adesso bisogna guardare sempre oltremare, ma molto più vicino. In Grecia, patria di Marios Oikonomou, match-winner della serata di ieri.
Una partita tattica, contratta, ansiosa: il Bologna teme i padroni di casa, sa che possono far male e che soprattutto là dietro sono solidissimi, mentre gli umbri temono il Bologna perché è pur sempre il Bologna, con alcuni giocatori che in B rimangono sopra la media. Lopez schiera i suoi con i quattro in linea dietro e i tre a centrocampo, mentre la novità sta davanti: niente tre punte, niente 1+2 ma un 2+1 che prevede Laribi e Troianiello alle spalle di Cacia unica punta. Ed è proprio Cacia a impegnare severamente Brignoli con un guizzo di testa al 16°. Succede poco altro, la Ternana ci prova sul finire del primo tempo con Cesàr Falletti, al cui fianco trotterellano Avenatti e il volto noto Valeri Bojnov, ex-talento bruciato ma pur sempre di livello per la B.
Al 22° minuto, nel frattempo, è uscito Rafa Paez - contusione all'anca - ed è entrato appunto Marios Oikonomou, all'esordio in B e la scorsa stagione appena una presenza con il Cagliari in Serie A. Insomma, il greco non dovrebbe avere ritmo partita, e invece è proprio lui a sbloccare la gara al 3° minuto del secondo tempo svettando in bella torsione su calcio d'angolo battuto da Laribi. La Ternana protesta - l'azione che ha portato al corner è nata da un colpo di mano dello stesso Laribi - e lo farà ancora quando Oiknomou fermerà un'azione ospite sempre con il braccio. Al netto di un arbitraggio insufficiente da parte del signor Minelli di Varese, però, va detto che gli umbri guidati da Tesser fanno ben poco per riagguantare la partita, impegnando severamente Coppola solo in un'occasione con un gran tiro da fuori area di Meccariello. È troppo poco, il Bologna resiste e porta a casa tre punti che in questo momento potrebbero valere anche molto di più. In attesa dell'americano, accontentiamoci del greco. 

Ultima modifica il Sabato, 27 Agosto 2016 21:22
Simone Cola

Scrive per 1000 Cuori Rossoblu dal 2013, è anche autore del blog "L'Uomo nel Pallone" in cui scrive di storie dei calcio