Il post partita di Cento-Cividale

Scritto da  Nov 26, 2023

Mussini: “Sapevamo che era una partita molto importante, uno scontro diretto. Questa vittoria conta il doppio, anche perché è la seconda di fila. Ora vogliamo continuare su questa strada”.

Mecacci: “Vittoria meritata. Era una partita importante, sono contento per i ragazzi. Il periodo continua a non essere facile, ma bisogna essere onesti: questa è la terza vittoria nelle ultime cinque partite e, se avessimo vinto contro Nardò, sarebbe la quarta. Questo era uno scontro diretto: chiudiamo il girone d’andata in una situazione di classifica complessa, ma leggermente diversa e non era scontato visto quanto ci è capitato finora. Ci siamo presi un rischio inserendo Mitchell con solo quattro allenamenti nelle gambe ed ha pagato, visto il suo contributo alla vittoria di oggi. Ci tengo a ringraziare anche la Società nella figura del Presidente in primis e dei consiglieri che hanno fatto uno sforzo nel cercare di essere ancora più competitivi in un girone veramente difficile. Il leitmotiv di quest’anno è quello della difficoltà del nostro girone: ci sono squadre importanti, costruite con grandi budget e noi siamo in mezzo a loro a battagliare per vincere il campionato. Oggettivamente credo che sia importante che la società sia compatta ed unita nel raggiungere questo obiettivo e l’inserimento di Mitchell è una cosa che ci farà bene. Bisogna stare calmi nei giudizi, una rondine non fa primavera e basti pensare alle prossime partite che ci aspettano, però questa scelta è stata determinata da una grande fiducia nei confronti miei e dello staff. Credo di aver raggiunto oggi le 150 panchine con questa squadra in cinque anni, con oltre il 50% di vittorie, quando si fanno delle scelte bisogna essere degli stregoni, ma la scelta di Mitchell pensiamo possa darci una grande mano, arriviamo ad aprile e vediamo come finirà il campionato. Riguardo l’analisi tecnica, questa è la seconda partita dove la squadra difende con consistenza. Chiaro che la partita l’avevamo impostata su Redivo, siamo stati bravi a tenerlo fuori dai giochi e la squadra era concentrata appieno sulle idee che avevamo provato in settimana. Godiamocela e andiamo avanti nel nostro percorso”.

Lele Carl Malaguti

Emanuele Malaguti, piú comunemente noto come Lele Carl, aspirante giornalista, appassionato di tutte le discipline sportive, in primis calcio e basket. Tifoso del Bologna Fc, della Fortitudo e dei Boston Celtics, regista e speaker radiofonico, irriducibile sognatore..