Matteo Mecacci durante un timeout Matteo Mecacci durante un timeout Massimiliano Salvi

Il pre partita di Piacenza-Cento

Scritto da  Dic 08, 2023

Ancora "azzoppata" dall'assenza forzata di Mitchell e dall'assenza dei lungo degenti Benvenuti e Bocevski, la Sella Cento è chiamata ad una risposta dopo la positiva prestazione di mercoledì contro Verona. Ospite alle 18 di domenica dell'Assigeco Piacenza, la compagine biancorossa affronterà lo scontro diretto del PalaBanca nella speranza di riuscire non solo a vincere, ma anche di ribaltare la differenza canestri (dodici punti). All'antivigilia del match, coach Matteo Mecacci ha fatto il punto sull'impegno che attende la sua squadra:

“Il primo punto da considerare è che Piacenza ha una rotazione in più rispetto a noi, adesso  ruotano a 10 mentre noi a 8 giocatori, quindi chiaramente è tutto più difficile, però è la terza partita per entrambe le squadre quindi ci possono essere dei fattori imprevedibili; poter gestire le energie in questi giorni sarà la prima considerazione da fare come staff e poi cercare di non far giocare una partita a Piacenza troppo aggressiva. Il loro DNA, grazie soprattutto al playmaker Sabatini è caratterizzato dalla corsa in contropiede e in transizione, attaccando nei primi secondi dell’azione; avere dei rollanti come Skeens e Miller fa si che nei giochi a due sono molto pericolosi quindi noi dovremo cercare di rallentare il loro flusso offensivo. La partita di andata ci ha insegnato che non dobbiamo perdere troppi palloni, in quella gara condizionarono tanto e loro furono bravi a provocarle e ripartire subito in contropiede oppure con i rimorchi sulle transizioni, per cui domenica dovremo sicuramente limitare questo fattore cosa su cui siamo migliorati molto visto che nelle prime giornate perdevamo tanti palloni e ora siamo una delle squadre che ne perde meno in tutto il girone; la seconda chiave sarà cercare di farli attaccare più a difesa schierata. Piacenza è una squadra secondo me forte, ha avuto un girone di andata simile al nostro partendo bene, ha avuto una striscia di quattro sconfitte consecutive, ma poi ha saputo reagire e al momento ha 2 punti più di noi guadagnati con una partita difensiva quasi perfetta contro Udine, però è chiaro che dobbiamo provare a muovere la nostra classifica. Il dato lampante è che nelle ultime due partite in casa abbiamo mosso bene il pallone giocando una buona pallacanestro offensiva, come non abbiamo fatto a Forlì, ora dobbiamo cercare di giocare in maniera corale anche in trasferta, è chiaro che non sarà facile ma è un’occasione d’oro per provare a muovere la nostra posizione in classifica in vista degli scontri diretti che ci saranno prossimamente”.

Fonte: Ufficio Stampa Benedetto XIV

Lele Carl Malaguti

Emanuele Malaguti, piú comunemente noto come Lele Carl, aspirante giornalista, appassionato di tutte le discipline sportive, in primis calcio e basket. Tifoso del Bologna Fc, della Fortitudo e dei Boston Celtics, regista e speaker radiofonico, irriducibile sognatore..