La Fortitudo baseball batte Torino e avanza in Coppa Italia Fonte immagine: Lauro Bassani (PhotoBass)

La Fortitudo baseball batte Torino e avanza in Coppa Italia

Scritto da  Set 04, 2022

Terminato il campionato 2022 on la sconfitta in semifinale contro Parma, l’UnipolSai Fortitudo è chiamata a una buona prestazione in Coppa Italia, con l’obiettivo minimo di arrivare nella Final Four finale in cui giocarsi non solo la vittoria del trofeo, ma anche l’accesso alla Coppa dei Campioni 2023.

E l’avventura in Coppa Italia inizia con il piede giusto, dato che gli uomini di Lele Frignani hanno battuto Torino sia in Gara1 (9-2) che in Gara2 (4-2), rendendo inutile la terza sfida e qualificandosi già nella serata di ieri al prossimo turno, quello che deciderà le due formazioni, oltre a Parma e San Marino, che parteciperanno alla Final Four. Ma veniamo a quanto accaduto ieri.

Gara1 – Fortitudo-Torino 9-2

In Gara1 vige l’obbligo del lanciatore AFI, e Filippo Crepaldi è stato il partente della Effe e lanciatore vincente della gara, con Maurizio Andretta a fargli da rilievo e a ottenere la salvezza. Sei gli inning lanciati da Crepaldi, che ha subito i entrambi i punti del 9-2 finale, ma che ha comunque svolto alla grande il proprio ruolo, così come Andretta.

E in realtà, sebbene il punteggio di 9-2 parli di un dominio dell’attacco bolognese, dal tabellino si nota subito come entrambe le formazioni abbiano segnato solamente in due inning, lasciando alle difese li lasciassero a zero in tutte le altre riprese.

Le danze le apre Torino, andando in vantaggio nella parte alta del secondo inning, ma al cambio di campo la risposta della Fortitudo è di quelle da ko. Il big inning da 8 punti si apre con l’eliminazione di Gonzalez Taveras, ma poi il singolo di Martini, il doppio di Agretti e la base intenzionale a Grimaudo, riempiono le basi. A quel punto il cinismo delle mazze bolognesi fa il resto: Dobboletta mette a segno un singolo da 2RBI, Liberatore la valida del 3-1. Poi tra errori difensivi, e ulteriori valide tra cui una doppia di Joesphina, la Fortitudo prende il largo arrivando sull’8-1, obbligando Torino al cambio del pitcher.

Bisogna poi aspettare il sesto inning, per vedere il punteggio muoversi nuovamente, con Torino che trova finalmente la strada per segnare il punto dell’8-2, senza però impensierire mai l’Aquila, che nella parte bassa del settimo segna il definitivo 9-2. Con Grimaudo e Fuzzi che ottengono una base ball, arriva la valida di Lampe che manda a casa Grimaudo. Le difese vincono poi gli scontri degli ultimi due inning.

Team

1

2

3

4

5

6

7

8

9

R

H

E

LOB

TOR

0

1

0

0

0

1

0

0

0

2

6

2

5

BOL

0

8

0

0

0

0

1

0

X

9

12

0

10

Gara2 – Fortitudo-Torino 4-2

Nella Coppa Italia che finalmente riporta a 9 gli inning degli incontri, Gara2 (e l’ipotetica Gara3) vedono la possibilità di utilizzare qualunque tipo di lanciatore, e per la Fortitudo la scelta ricade su Scafidi come partente, sul monte per 7 inning completi e lanciatore vincente della gara, rilevato poi da Bassani che chiude la partita ottenendo la salvezza. I due pitcher bolognesi si sono divisi equamente i punti subiti da Torino, uno a testa, all’interno del 4-2 finale.

Anche in Gara2 le formazioni riescono a segnare solamente in due riprese a testa ed anche questa volta è Torino a passare in vantaggio per prima, sempre nella parte alta del secondo inning, dimostrando di volerci provare fino in fondo e di avere alcune buone individualità.

La risposta della Effe questa volta si fa attendere, ed arriva solamente al quarto, quando la valida di Agretti spinge a casa Josephina che aveva aperto l’inning con un bel doppio. Con due eliminati e Agretti ancora in prima, arriva poi il doppio di Bertossi, che vale il ribaltamento del punteggio con l’Aquila che si porta sul 2-1 prima di chiudere il quarto attacco con l’eliminazione di Deotto.

I lanciatori e le difese si riprendono la scena fino alla parte bassa dell’ottavo inning, quando la Fortitudo allunga, ottenendo i punti che le regaleranno la vittoria finale. Agretti arriva in prima con una base ball e poi viene spinto in seconda con un bunt che si trasforma in valida per Grimaudo, ma viene poi eliminato in un doppio gioco assieme a Bertossi. Con due out e un uomo in prima, il Manager Frignani fa un pinch hitter che farà la differenza. Dobboletta entra al posto di Deotto e batte valido. Liberatore fa il suo, mettendo a terra una valia che manda Grimaudo a punto e Dobboletta in seconda. Torino cerca di limitare i danni cambiando pitcher, ma il capitano della Fortitudo, nel turno di battuta di Paolini, prima ruba la terza su uno strike, e poi arriva a casa su lancio pazzo, segnando il momentaneo 4-1.

Il nono attacco di Torino si apre con due valide consecutive e un’eliminazione su scelta della difesa che fa entrare però il punto del 4-2. Poi Bassani si riprende la scena da par suo e elimina al piatto i due successivi battitori, chiudendo la gara con due importanti strike-out consecutivi.

Team

1

2

3

4

5

6

7

8

9

R

H

E

LOB

TOR

0

1

0

0

0

0

0

0

1

2

7

2

5

BOL

0

0

0

2

0

0

0

2

X

4

11

2

9

Ultima modifica il Domenica, 04 Settembre 2022 08:20
Simone Zanetti

Appassionato di Bologna ed Archeologia, oltre a tifare Bologna FC e Fortitudo Baseball, tifa (inspiegabilmente) per il Cruz Azul.