Chiesa, Orsolini e Cutrone Chiesa, Orsolini e Cutrone Corriere dello Sport

Europeo Under 21: le probabili formazioni di Italia-Polonia

Scritto da  Giu 19, 2019

Dopo l’importantissima vittoria di domenica scorsa contro la Spagna, l’Italia Under 21 torna in campo questa sera per chiudere ogni discorso qualificazione. Vincere contro la Polonia potrebbe voler dire primo posto nel girone con una giornata d’anticipo, e di conseguenza anche qualificazione alla prossima Olimpiade.
Gli azzurri arrivano al match contro i polacchi, che hanno sconfitto il Belgio per 3 a 2 all’esordio, con il morale a mille, per aver battuto una diretta pretendente al titolo finale, reagendo con le unghie e con i denti dopo un inizio difficile. La reazione e i tre gol testimoniano come gli azzurrini, oltre alle qualità tecniche indiscutibili, possiedono anche una grande forza di gruppo e una determinazione che potrebbe fare molto comodo nel prosieguo del torneo.

Alle 21, sempre al Dall’Ara, ci sarà il fischio d’inizio, in uno stadio che ha stupito anche la delegazione spagnola, che ci ha tenuto a ringraziare la città di Bologna per l’accoglienza e per l’organizzazione.

Di Biagio si porta dietro i soliti diversi dubbi di formazione, anche se la condizione non ottimale di alcuni porta le scelte del ct verso un’unica direzione. Kean, Zaniolo, Calabresi e Bonifazi non sono al meglio, così come Barella, ma quest’ultimo difficilmente salterà una sfida così importante.
I primi 3 probabilmente verranno sostituiti da Cutrone, Orsolini, Adjapong e Bastoni, mentre del resto dovrebbe essere tutto confermato.

Ecco quindi le probabili scelte dei due allenatori:

Italia (4-3-3): Meret; Adjapong, Mancini, Bastoni, Dimarco; Barella, Mandragora, Pellegrini; Orsolini, Cutrone, Chiesa.

Polonia (4-3-3): Grabara; Fila, Wieteska, Bielik, Pestka; Jagiello, Dziczek, Zurkowski; Michalak, Kownacki, Szymanski.

L’Italia dovrebbe quindi affidarsi a un tridente tutto nuovo, con la sola conferma di Chiesa, vero mattatore della sfida contro la Spagna. Orsolini può essere un’arma interessante per creare spazi ai compagni, sfruttando la sua indole nell’attaccare la profondità in ampiezza. Contro la Spagna lo ha fatto poco, e considerando le qualità che Riccardo dispone ci si aspetta più pericolosità offensiva e maggior precisione nelle giocate.
Cutrone rispetto a Kean occuperà di più l’area, anche se in fase di salita della manovra rimarrà più statico rispetto all’attaccante della Juve. Vedremo come si comporterà Patrick, che avrà la sua grande chance dal primo minuto, dopo essere entrato bene domenica, rendendosi anche decisivo in occasione del secondo gol di Chiesa.

I polacchi giocheranno a specchio, e bisognerà fare attenzione soprattutto alla velocità e alla tecnica dei due esterni offensivi. Sicuramente il pericolo principale è rappresentato da Dawid Kownacki: la punta della Sampdoria che nell’ultima stagione ha giocato nel Fortuna Dusseldorf è l’arma principale della sezione di mister Michniewicz, che si affiderà alla sua vena realizzativa.

Non sarà affatto un match semplice quello di questa sera, ma gli azzurrini hanno tutte le carte in regole per centrare la seconda vittoria consecutiva, per guadagnarsi la semifinale, che in caso di primo posto si giocherà proprio qui a Bologna.
Calabresi, che inizialmente partirà dalla panchina per un affaticamento muscolare e Orsolini sono pronti a spingere i compagni verso il successo, e il tifo caldissimo di Bologna non deluderà ancora una volta le aspettative.

Davide Centonze

Appassionato di calcio e soprattutto tifoso rossoblu. Attualmente frequentante il corso di scienze della comunicazione con il sogno di diventare giornalista sportivo.