"Gabbiadini, non succede, ma se succede..." - 15 ago

Scritto da  Ago 15, 2016

Il ritorno di Manolo Gabbiadini sotto le due torri è il grande sogno di Bologna, ormai lo sanno anche i sassi, un sogno perchè tutti i tifosi in cuor loro sanno che è di difficilissima realizzazione e chi scrive non vuole assolutamente illudere nessuno, ma c'è sempre un ma e anche più di uno, vediamoli insieme:

 

ECONOMICAMENTE

La società, giustamente, ha smentito qualsiasi tipo di interesse perchè considerato un obbiettivo fuori portata, ma sotto sotto continua a mantenere viva la piccola fiamma che potrebbe divampare in fuoco ardente in brevissimo tempo. Il Napoli è in piena corsa per Diawara, valutato dal Bologna 15 mln senza contropartite tecniche, ad esclusione di una che è ben nota al patron De Laurentiis. Icardi rimarrà all'Inter e quindi anche la contropartita Gabbiadini è saltata, Sarri non lo vede e continua a sostituirlo regalandogli solo spezzoni di partita, l'insofferenza del ragazzo è stata ribadita più volte e cresce continuamente. Il presidente del Napoli questo lo sa bene e con l'andare del tempo potrebbe vedere demolito il valore del giocatore trovandosi anche con un separato in casa, in tutto questo, al momento offerte concrete e convincenti per il "Gabbio" non ne sono pervenute. Se questa situazione dovesse perdurare a lungo fino a ridosso della chiusura di mercato, un'offerta di 10/12 mln in tre anni + Diawara potrebbe rompere gli indugi. A livello di ingaggio si può fare, attualmente a Napoli il ragazzo percepisce poco più di Destro e inserendo qualche bonus aggiuntivo si potrebbe tranquillamente fare, magari con un contratto quinquennale a crescere.

 

AMBIENTE E AMBIZIONI

Manolo, come è noto a tutti, a Bologna è di casa sia di detto che di fatto, nel capoluogo emiliano ha la famiglia e a Bologna tornerebbe di corsa. Qui giocherebbe sereno e tranquillo, adorato dalla tifoseria e senza pressioni mentali, e come è ormai risaputo, Bologna è sempre riuscita a mettere i grandi campioni nelle condizioni migliori per rendere al meglio. Il progetto di Joey Saputo è chiaro e serio, col suo Bologna ambisce a posti di primo piano a livello europeo, contando anche su una serie A che si sta livellando terribilmente verso il basso, ormai anche al di fuori dell'ambiente rossoblu se ne stanno rendendo conto. Queste ambizioni e questo progetto ambizioso sicuramente possono giocare un ruolo determinante anche nelle scelte professionali di un giovane come Manolo.

 

COLLOCAZIONE TATTICA

Donadoni ha già dato il suo benestare, il mister ha detto più volte che serve potenziare l'attacco e Gabbiadini sarebbe quel campione che farebbe lievitare in maniera esponenziale il potenziale offensivo rossoblu portando tecnica, gol e contribuendo a migliorare anche Mattia Destro col quale formerebbe una coppia d'attacco giovane semplicemente straordinaria. Attualmente Donadoni lavora sul 4-3-3, ma passare al 4-4-2 sarebbe un soffio di vento e certamente permetterebbe a Destro di rendere ancora di più potendo contare su un compagno di reparto col quale si combinerebbe perfettamente, oltretutto lanciando entrambi verso l'azzurro, vista anche la carenza di punte a livello nazionale.

 

IL CENTROCAMPO

Attualmente la rosa rossoblu centralmente ne conta sei, Taider, Nagy, Donsah, Pulgar, Crisetig e Diawara. I primi 4 sono inamovibili, gli ultimi due sono sul mercato, il friulano ha richieste che vengono valutate e il guineano potrebbe essere il protagonista indiretto dell'arrivo di Manolo. Dzemaili dovrebbe essere il 5°, a portare quell'esperienza necessaria ad un centrocampo molto valido, ma anche giovane. Gli esterni sono molto ben coperti con Rizzo, Krejci, Mounier, Di Francesco, Tabacchi e all'occorrenza Verdi che insieme a Brienza ricoprirebbe il ruolo di trequartista offrendo a Donadoni una variante in più potendo schierare anche un 4-3-1-2.

 

ENTUSIASMO 

Un investimento come Gabbiadini porterebbe inevitabilmente benefici a tutto l'ambiente, sia sul campo che psicologicamente, dando una definitiva sferzata alle ambizioni di tutti. Ma aspetto no da poco, porterebbe certamente un'impennata anche a livello di botteghini, poichè uno scatto importante lo si avrebbe anche in termini di abbonamenti regalando alla città quel grande sogno che tutti coltivano.

 

Il tempo passa, Gabbiadini è sempre e tristemente a Napoli, il Bologna saggiamente e pazientemente aspetta di giocarsi al meglio la carta Diawara sapendo che in chiusura di mercato si può piazzare la zampata vincente. Ci vuole pazienza perchè qui si parla di un colpo di mercato che potrebbe essere determinante per tutti.

Non succede ma se succede...

Buon Ferragosto a tutti!

Ultima modifica il Domenica, 28 Agosto 2016 05:36