La Primavera del Bologna in posa con il presidente Joey Saputo. La Primavera del Bologna in posa con il presidente Joey Saputo. Foto di Valentino Orsini

Il weekend del Settore Giovanile – 26 Gen

Scritto da  Gen 26, 2018

Fine settimana denso di impegni per il Bologna Fc e le sue squadre, oltre alla prima squadra attesa in quel di Napoli per la complicata sfida contro i partenopei, tutte le squadre giovanili rossoblù saranno impegnate durante questo weekend.

La Primavera di Emanuele Troise sarà di scena lunedì alle ore 14:30 a Verona contro l’Hellas, presso l’impianto “Antistadio Guido Tavellini”. Gli scaligeri all’andata avevano fatto bottino pieno al Cavina di Borgo Panigale, grazie alla rete allo scadere di Stefanec. Il trequartista slovacco classe ’98 è di sicuro uno dei giocatori da tenere d’occhio, al quale si aggiungono il mediano Danzi classe ’99 e l’attaccante classe ’98 Tupta, già convocato in prima squadra da Pecchia e che ha un bagaglio di soluzioni offensive notevole nonostante la giovane età. Il modulo che l’allenatore scaligero potrebbe adottare è il 4-3-1-2, schierando come novità Galazzini sull’out difensivo destro per sopperire all’assenza di Nigretti squalificato. Il Bologna invece si è dimostrato molto attivo sul mercato, compiendo degli interventi mirati a compensare le lacune della rosa di mister Troise, portando in quel di Casteldebole due giovani promesse come Cristian Mutton, giovane attaccante classe ’99 scuola Inter e Kaloyan Krastev, terminale offensivo anch’egli classe ’99 e proveniente dalle file della squadra bulgara Slavia Sofia. La formazione che potrebbero schierare i petroniani orfani di Frabotta squalificato è il 4-3-3 con Ravaglia fra i pali, Pellacani, Busi, Brignani e Cassandro in difesa, Mazza, Cozzari e Valencia in mediana, schierando in attacco il tridente Pattarello, Kingsley e probabilmente uno dei due neo acquisti, più probabilmente il bulgaro Krastev che ha già dato prova delle sue qualità con la prima squadra dello Slavia Sofia. I rossoblù in caso di vittoria si proietterebbero a quota 17 punti, ad un solo punto dai propri avversari, allontanandosi così provvisoriamente dalla zona calda della classifica.

L’under 17 di Paolo Magnani è attesa dalla sfida interna contro la Lazio di domenica che si svolgerà al campo “Cavina” di Bologna alle 14:30, gara sulla carta non complicata per i giovani felsinei che attualmente stazionano in sesta posizione a 27 punti, ben 11 in più dei coetanei biancocelesti. La squadra allenata da Valerio D’Andrea la scorsa giornata è caduta di fronte alla terza forza del campionato, il Milan, che ha chiuso la pratica già al 27° con le reti di Sala e Tonin, affondando gli aquilotti e relegandoli in sestultima posizione. Nonostante questa sconfitta i giovani capitolini possono vantare fra le loro file Scaffidi, autore di sei reti in campionato fino ad ora. Dall’altro lato della barricata troviamo un Bologna in ottima condizione, in striscia positiva da due partite consecutive (vittoria contro il Chievo ed in trasferta contro la SPAL), che oltre ad offrire parecchie sicurezze in fase difensiva (sin qui solo 22 reti incassate a fronte delle 34 realizzate), schiera numerosi giocatori in grado di ledere le resistenze degli avversari come Rabbi e Rocchi a quota 8 reti, Adusa a quota 5 e Portanova a quota 4, fornendo così svariate alternative per poter colpire ed affondare gli avversari. Probabilmente Magnani disporrà i suoi giovani ancora con il 4-3-3, modulo che già ampiamente collaudato e che ha fornito più di qualche garanzia, riproponendo Fantoni fra i pali, Mazia, Castaldi, Portanova e Montebugnoli a comporre il reparto arretrato, Santoro, Beltrame e Pilastro ad orchestrare il giro palla in mezzo al campo, schierando Rosso, Rabbi e Rocchi per finalizzare la manovra.

L’Under 16 di Francesco Satta domenica alle 12:15 presso il “Filippetti” a Riale di Zola Predosa, troverà sulla sua strada il Verona di Andrea Vitali, compagine che staziona al quartultimo posto in classifica. La formazione scaligera viene dalla pesante sconfitta per 4-1 contro l’Inter, nonostante si sia dimostrata squadra temibile in grado d’infliggere una sconfitta per 3-2 alla Lazio nella giornata precedente. I punti a sfavore dei gialloblù sono senz’ombra di dubbio la posizione in campionato che abbassa un po’ il morale della truppa di Vitali, unita alla mancanza di un vero finalizzatore sul quale focalizzarsi per sbloccare la gara. Nonostante l’assenza di un “bomber” possa essere per i veneti un handicap, d’altro canto ciò supporta una manovra corale ben consolidata che fornisce numerose alternative per portare a casa i tre punti, un ventaglio di soluzione che annovera i nomi di Yeboah a quota 4 reti, insieme ad Ahmetaj, Cortese e Paloka a quota 2 reti. Il Bologna invece è di certo squadra in ottima condizione e reduce da due successi consecutivi (il derby contro il Cesena vinto per 3-1 e l’ultimo successo esterno per 1-0 contro l’Udinese), risultati che l’hanno proiettata al quarto posto in classifica generale. Dopo le prime partite dove i felsinei hanno faticato non poco in fase difensiva, uno dei punti di forza dei giovani di Satta è l’ottima tenuta difensiva e le poche reti concesse agli avversari, unite ad un attacco davvero prolifico che annovera tra i suoi interpreti di spicco Spader a quota 2 reti, Naddeo a quota 4 ed il capocannoniere del campionato Mattiolo autore sino ad ora di 10 reti e che domenica potrebbe incrementare il proprio bottino stagionale. Per trovare la via della vittoria l’allenatore dei giovani petroniani potrebbe riconfermare l’undici della scorsa trasferta vittoriosa in Friuli, schierando i suoi con il 4-3-3: Jaeger a difendere la porta rossoblù, Commissari, Varano, Graziano e Cudini a comporre la retroguardia, Orlietti, Parlanti e Campagna in mezzo al campo a supporto dei tre attaccanti Spader, Mattiolo e Naddeo.

L’Under 15 di Francesco Morara dopo la pesante sconfitta contro l’Udinese per 3-1 che gli ha impedito di sorpassare il Cesena in quarta posizione, sarà impegnato fra le mura amiche domenica alle ore 11 presso il campo “Cavina” contro il Verona di Leonardo Ventura, sconfitto nelle ultime due gara dalla capolista Inter e dalla Lazio, diretta concorrente in campionato con un punto in più degli scaligeri. I gialloblù giunti alla quindicesima giornata hanno solo otto lunghezze di distanza sul Brescia fanalino di coda e sono staccati da sette di differenza dal Bologna, sesto in classifica generale. Come per i compagni di un anno più grande hanno diversi interpreti in grado di ferire gli avversari, con La Porta, Marini e Bragantini autori sino qui di 2 reti a testa in stagione, che costituiscono quasi la totalità del bottino complessivo della squadra di Ventura, che finora ha incassato 19 goal, segnandone solo 9. Il Bologna giunge a questo scontro da un risultato negativo, che però arriva dopo dieci punti conquistati nei quattro turni precedenti, certificando di fatto le potenzialità del collettivo felsineo. I rossoblù sono attualmente in ottima forma nonostante il risultato negativo dell’ultima giornata, in grado addirittura di fermare l’Inter capolista sul punteggio di 1-1 in casa. Lo score stagionale dei singoli vede condurre Bovo a quota 6 centri, seguito da Grimandi a quota 4 e da Antonioni e Lami con due reti siglate a testa. Difensivamente parlando la squadra di Morara non ha subito grosse goleade (eccezion fatta per Milan-Bologna 4-1 e l’ultimo turno di campionato contro i friulani), mettendo a segno 21 reti e subendone 17 fino ad ora. L’undici anti Verona potrebbe essere similare a quello della scorsa partita, eccezion fatta per Antonioni che non sarà disponibile a causa dell’espulsione rimediata nell’ultimo turno di campionato, un 4-3-3 con Ruggiu in porta, Arnofoli, Mantovani, Dimitrijevic e Cavina in difesa, Panariello, Spinella e Marenco in mediana, con la fase offensiva affidata al tridente Lami, Bovo e Grimandi.

 

I Giovanissimi Regionali Professionisti saranno invece impegnati dalla trasferta di domenica alle ore 11 contro il Piacenza, presso il campo “Comunale” di Podenzano. Per i felsinei si tratta di una sfida abbordabile sulla carta, vista la posizione agevole di classifica rispetto agli avversari (quinto posto rispetto all’undicesimo dei biancorossi), unito ad una differenza reti importante (+21 per i rossoblù mentre per i piacentini la differenza tra goal fatti e subiti si riduce ad un esiguo +2). Il Piacenza può farsi forte del fattore casa che potrebbe spingere i suoi giovanissimi forte per prevalere sugli avversari, contando sul miglior finalizzatore della propria rosa Hrom, a quota 6 reti in stagione. Il Bologna però vuole continuare a fare bene in campionato ed è pronto a dare battaglia, grazie anche ai propri bomber: Mazia, Anatriello e Brigliadori, rispettivamente a quota 9 e 7 goal stagionali.

Lele Carl Malaguti

Emanuele Malaguti, piú comunemente noto come Lele Carl, aspirante giornalista, appassionato di tutte le discipline sportive, in primis calcio e basket. Tifoso del Bologna Fc, della Fortitudo e dei Boston Celtics, regista e speaker radiofonico, irriducibile sognatore..