Forever Rossoblu

Scritto da  Dic 19, 2018

Com'è andato il weekend degli ex rossoblu? Partiamo come sempre dai portieri: finalmente una domenica senza reti subite per Alfred Gomis, anche se la sua Spal non va oltre lo 0-0 casalingo col Chievo; solo panchina per Mirante (Roma) e Gillet (Standard Liegi), mentre di Emanuele Viviano nessuna traccia in quel Lisbona (Sporting).

Capitolo difensori, a 35 anni suonati Daniele Gastaldello si reinventa bomber: la sua rete contro il Lecce, a tempo scaduto, lancia infatti il Brescia al secondo posto in serie B. Sempre in cadetteria, pareggio per lo Spezia di capitan Claudio Terzi, ammonito nell'1-1 di Perugia. In serie A Luca Rossettini fa il suo in quel di Ferrara, aiutando a tenere inviolata la porta di Sorrentino, mentre l'Empoli di Domenico Maietta finisce la serie di risultati utili consecutivi perdendo a Firenze; all'estero Adam Masina guarda dalla panchina il suo Watford battere il Cardiff (3-2), mentre Emil Krafth vede rinviare la sfida del suo Amiens con l'Angers per via dei "gilet gialli".

Centrocampo: Albin Ekdal guida la mediana blucerchiata in Samp-Parma, vinta dai casalinghi per 2-0, con un Gaston Ramirez che sulla trequarti brilla meno del solito, ma fa il comunque suo. Radovanovic titolarissimo nel Chievo, come Federico Di Francesco nella vittoria esterna del Sassuolo a Frosinone (sostituito all'88esimo da Magnani). Per Diawara un'ora in campo in Cagliari-Napoli, sostituito poi da Mertens. Scampoli di partita per Federico Casarini in Ascoli-Cittadella (1-1), mentre Massimo Loviso va in fuga col Modena del girone D del Campionato Dilettanti (vittoria nella sfida d'alta classifica con la Pergolettese per 2-1). Diego Laxalt entra nel finale di Bologna-Milan, Daniel Bessa s'illude all'Olimpico, salvo poi subire col suo Genoa la rimonta della Roma. 

Attacco: la coppia Meggiorini-Giaccherini non riesce a far male alla Spal, Manolo Gabbiadini resta ancora in tribuna nel Southampton e Avenatti, in Belgio, non stupisce in Kortrij-Club Brugges. In Palermo-Livorno (1-1), capolista contro l'ultima della classe, sfida tra ex rossoblu di epoche diverse Falletti-Diamanti.

Allenatori: Stefano Pioli torna alla vittoria dopo quasi tre mesi, mentre Marco Baroni (ex calciatore rossoblù nel biennio '91-'93) succede a Carmine Longo come nuovo mister del Frosinone.

Ultima modifica il Mercoledì, 19 Dicembre 2018 20:15
Stefano Brunetti

Bolognese e bolognista, blogger e poeta, filosofo e asceta, con particolare passione per i colori rossoblù: scrivo sul Bologna da quando sono in fasce, o forse anche prima. Autore su Mondo Bologna, ma anche scrittore, cantante, musicista: con Bologna sempre al centro, come unica fonte d'ispirazione. Cosa ne penso di Destro? Non penso. Pro o contro Donadoni? Neutro. Perché la maglia vien prima di tutto. Datemi dell'ignavo, del conservatore, del bigotto: ma a parte questo, giuro che ho anche dei difetti. Perché prima di tutto viene lei: la maglia del Bologna. 7 giorni su 7. E la maglia non si contesta: si ama. Anzi, di più: si adora.
Ed io, in fondo, non sono che questo: un adoratore seriale. Di professione.