Il Resto del Carlino - Verso Euro2021: chi può sognare la convocazione?

Scritto da  Francesco Bernardi Mar 31, 2021

La convocazione dei calciatori da parte delle rispettive nazionali è da tempo un punto di attrito fra i club e le federazioni, alimentato dalla delicatezza degli spostamenti nell’era del coronavirus. Le società tendono a proteggere i propri investimenti, limitando le possibilità di eventuali infortuni o contagi per i propri atleti, mentre gli allenatori gradirebbero avere più giocatori possibili a disposizione per poter pianificare due settimane di lavoro con il gruppo al completo. Non è stato dello stesso avviso Sinisa Mihajlovic, il quale ha sottolineato nel post partita di Crotone come avere numerosi calciatori convocati sia una soddisfazione, oltre ad un riscontro positivo del lavoro svolto.

Come riporta il Resto del Carlino, Aaron Hickey non potrà godere a pieno della gioia della convocazione, a causa del riacutizzarsi dell’infortunio subito il 20 febbraio nell’1-1 del Mapei Stadium contro il Sassuolo. Secondo le rivelazioni del tabloid The Scottish Sun, che riporta una telefonata fra il calciatore e i tecnici federali, il giovane terzino sinistro necessiterebbe di un intervento chirurgico per risolvere i problemi di dislocazione della spalla. Se tali indiscrezioni trovassero riscontro nei fatti si prospetterebbero per Hickey diversi mesi di stop, con conseguente addio al sogno europeo.

Euro 2021 è nel mirino di diversi giocatori rossoblù. Fra questi vi sono Andreas Skov Olsen e Mattias Svanberg, che godono di ottime possibilità di poter sostenere le ambizioni di Danimarca e Svezia nella prossima campagna europea. Differente è la situazione che riguarda Roberto Soriano, il quale, nonostante stia disputando una grande stagione con già nove reti all’attivo, dovrà sgomitare per trovare un posto all’interno della selezione azzurra.

A condividere la stessa ambizione è anche Jerdy Schouten che sta trascorrendo questi giorni di pausa, dovuti agli impegni delle nazionali, allenandosi a Casteldebole in vista della sfida di sabato contro l’Inter. Ad alimentare le speranze del centrocampista olandese sono state le parole del commissario tecnico De Boer, che a dicembre dichiarò di seguire con attenzione i progressi maturati dal giocatore sotto la guida di Mihajlovic. Sfortunatamente dopo questa manifestazione di stima si è verificata una sensibile flessione nelle prestazioni di Schouten. A testimoniare come facesse solo parte del naturale processo di crescita è stata la prestazione dello Scida, impreziosita dalla prima rete stagionale.

Le liste con i ventitré convocati per Euro 2021 dovranno essere consegnate dai commissari tecnici dopo la fine dei campionati nazionali. Le dieci giornate mancanti rappresentano l’ultima possibilità per i calciatori che ancora devono convincere a pieno il proprio CT. Forse è proprio in virtù di questa prospettiva che Mihajlovic accoglie di buon grado le convocazioni. In una stagione abbastanza delineata e potenzialmente senza molti stimoli per i giocatori del Bologna, il tecnico individua nella corsa alla convocazione la scossa che può portare alcuni calciatori a non alzare il piede dall’acceleratore nella volata finale.

Fuori dai confini europei si è messo in luce Tomiyasu, ormai colonna difensiva del Giappone, che ha preso parte per 72’ alla passeggiata nipponica sulla Mongolia, terminata 14-0. Non ha raccolto invece nemmeno un minuto Mbaye, che ha partecipato come spettatore al pari raccolto dal suo Senegal al sesto minuto di recupero contro eSwatini.

Ultima modifica il Mercoledì, 31 Marzo 2021 09:42