Lewis Ferguson Lewis Ferguson fonte immagine: Bologna FC

L'Opinione della Redazione - Bologna, Ferguson e Moro sono soluzioni da sfruttare

Scritto da  Ott 14, 2022

Ritorna oggi ''L'Opinione della Redazione'', la rubrica che dà spazio ai pensieri della redazione di 1000cuorirossoblu sui principali temi della settimana del Bologna, andando ad analizzare due diverse prospettive.

L'altra opinione la si può trovare cliccando qui

Tra gli oggetti misteriosi di questo inizio di stagione rossoblù ci sono senz’altro i due nuovi centrocampisti arrivati in estate: Lewis Ferguson e Nikola Moro. Lo scozzese e il croato hanno finora visto pochissimo il campo e, addirittura, l’ormai ex tecnico del Bologna Sinisa Mihajlovic, aveva apertamente criticato l’arrivo del regista della Dinamo Mosca.

Lewis Ferguson era arrivato con i gradi di sostituto di Svanberg. I 40 minuti giocati finora, in tre spezzoni di partita diversi, non hanno comunque permesso di far giudicare al pubblico bolognese quanto e se effettivamente lo scozzese sia il vero alter ego dello svedese ora al Wolfsburg.
Nikola Moro era invece arrivato a rimpolpare le fila del centrocampo felsineo, dopo la virata decisa di Sinisa Mihajlovic in direzione 3-5-2. Il tecnico serbo lo aveva fatto giocare solo nella sua ultima apparizione sulla panchina del Bologna e non era soddisfatto delle caratteristiche fisiche del talento cresciuto tra le fila della Dinamo Zagabria.

Fatte le dovute premesse, e osservato lo scarso utilizzo che Thiago Motta ha fatto finora dei due calciatori, c’è da chiedersi quanto ancora ci vorrà per vedere i due calciatori pronti all’esordio rossoblù. Vero è che il Bologna con il tecnico di Sao Bernardo do Campo ha virato verso un 4-2-3-1 e che nel ruolo di mediano d’interdizione nella cerniera davanti alla difesa ha preferito mettere Gary Medel, lasciando un solo posto agli altri contendenti. Ci sono comunque situazioni e soluzioni che permetterebbero al tecnico italo-brasiliano di proporre almeno uno dei due giocatori in formazione. Ad esempio, dopo le deludenti prove di Soriano nella posizione di trequartista e l’adattamento di Dominguez (comunque buono) nella medesima posizione, potrebbe arrivare anche il turno di Ferguson che nella medesima posizione in Scozia è addirittura arrivato in doppia cifra alla voce gol.
Per quel che riguarda Moro, con Schouten appannato, Dominguez spostato qualche metro più avanti e Medel pronto a incaricarsi dello schermo difensivo, è lecito attendersi un minutaggio adeguato alle capacità tecniche e di regia di cui il croato è accreditato. Per lui vale lo stesso discorso di Ferguson: in quella posizione ha fatto bene, persino in Champions League.

Le risposte al campo.

Ultima modifica il Venerdì, 14 Ottobre 2022 20:05
Stefano Francesco Utzeri

Laureato in giornalismo all'Università di Parma, sto realizzando il sogno di raccontare lo sport a modo mio. Nativo digitale sedotto dai Beatles e Marty McFly.