Andrea Zilio Andrea Zilio www.bolognafc.it

BFC Week – Ai microfoni rossoblù si presenta Andrea Zilio

Scritto da  Dic 10, 2022

Difensore dell’Under 17, classe 2006, alto, mancino, con due gol in campionato contro Empoli e Sampdoria, forte nell’uno contro uno, … sono solo alcune delle caratteristiche di Andrea Zilio, ragazzo veneto che milita nelle fila di Denis Biavati.

L’Under 17 rossoblù, a oggi, si piazza al quarto posto in classifica, dopo un inizio di stagione piuttosto complicato: “Abbiamo avuto un blackout di qualche settimana contro Fiorentina, Torino e Parma. Ora ci siamo ripresi: siamo un bel gruppo e tentiamo di migliorare lavorando settimana per settimana”.

Tu personalmente sei presente in pianta stabile con la Nazionale di categoria (quest’anno quella di Bernardo Corradi), come ti trovi a quel livello? “Vestire la maglia azzurra è un’emozione unica, siamo un bel gruppo e questa stagione speriamo vada avanti così”.

In campo, al lato opposto a te c’è un certo Tommaso Ravaglioli, autore di 12 gol nelle ultime 5 partite. È più difficile marcare lui in allenamento o gli altri la domenica? “Sicuramente anche in allenamento ci sono diverse sfide, dato che cerchiamo sempre di dare il meglio. La domenica però ci sono anche avversari forti: il Napoli è la squadra che ci ha messo più in difficoltà. Abbiamo patito soprattutto i primi dieci minuti, dato che, come formazione, sono individualmente molto capaci”.

E quali sono le tue caratteristiche? “Partendo da quelle che devo migliorare, mi sto allenando molto nell’uno contro uno e nella rapidità sul corto. I miei pregi sono la costruzione e l’essere ambidestro”.

Che aria si respira nello spogliatoio? “Molto positiva. Le ultime due partite ci hanno dato molta carica, speriamo che vada tutto bene in questa stagione”.

Zilio, di origine veneta, milita nel Bologna a partire dall’Under 15, trascorrendo il periodo del Covid sotto le Due Torri: “Bologna mi piace come città, mi trovo bene in convitto”.

Fonte: BFC Week #75

Anna Pozzi

Classe 2001, nata in Piemonte (e quindi Juventina da parte di nonno), studia Filosofia all'Università di Bologna. Appassionata di sport e libri fin da piccola, ha deciso di coniugare questi due hobbies scrivendo articoli sportivi.