RdC – Nuovo Dall’Ara, si parte - 17 Dic

Scritto da  Dic 17, 2015

Massimo Vitali sul Resto del Carlino, riporta che Claudio Fenucci (ad rossoblu), Luca Rizzo Nervo (assessore allo sport di palazzo d’Accursio) e Gino Zavanella (architetto di fama a cui il Bologna ha affidato il progetto) ieri sono stati ricevuti negli uffici di via IV Novembre in cui si sono incontrati con Giovanna Paolozzi Strozzi, una delle più strette collaboratrici della Soprintendenza, e Leonardo Marinelli, il funzionario per le tecnologie. Nel colloquio, durato circa un ora e mezza, Bologna e Comune, con l’ausilio di Zavanella, hanno illustrato il progetto del nuovo Dall’Ara, ma soprattutto hanno ascoltato le indicazione della Soprintendenza che dovrà dare il via libera ai lavori. Nel prossimo mese Bologna e Comune dovranno lavorare a stretto contatto per formulare una proposta ufficiale con tanto di relazione d’accompagnamento, attesa entro la metà di gennaio. Sulla sua pagina Facebook, Rizzo Nervo scrive di esser uscito dall’incontro soddisfatto perché ha verificato la possibilità di avviare un percorso condiviso tra Comune, Bologna e Soprintendenza, ed ora si può accelerare. Durante il colloqui è stata fatta un’interessante considerazione; se si costruisse un nuovo impianto e si privasse il calcio all’attuale stadio, il Dall’Ara diventerebbe un enorme carrozzone vuoto e fatiscente. Il suo ulteriore restyling verrebbe a costare tra i 50 e i 60 milioni, ma questo permetterebbe di ridare lustro al perimetro originale del 1927. Le priorita del Bologna sono quelle di coprire tutti i settori e di avvicinare le curve al campo. Per il momento è un punto a favore per la permanenza dell’originale stadio. Saputo sbarcherà sotto le Due Torri sabato ed il giorno dopo vedrà il sindaco Merola e Rizzo Nervo alla festa di Natale del Club.  

Ultima modifica il Sabato, 27 Agosto 2016 19:12