Seguici su

Altri Sport

GT World Challenge Europe, doppietta Ferrari Iron Lynx alla 1000 Km del Paul Ricard

Pubblicato

il


La Ferrari è tornata sul gradino più alto del podio del Fanatec GT World Challenge Europe Powered by AWS in uno stile enfatico: l’equipaggio dell’Iron Lynx composto da Davide Rigon, Antonio Fuoco e Daniel Serra ha portato a casa una doppietta tutta made in Motor Valley alla 1000 Km del Paul Ricard, secondo appuntamento della serie endurance. Delusione per Lamborghini, con la Huracán #63 dell’Emiil Frey Racing che si è vista sfumare la seconda posizione negli ultimi trenta minuti a causa di un guasto ai fari posteriori.

L’inizio è stato al cardiopalma, con uno stint iniziale senza respiro che ha visto le prime sei vetture correre quasi testa a testa. In questa fase, il protagonista è stato Mirko Bortolotti (Lamborghini #63 Emil Frey Racing), che è partito dalla sesta posizione in griglia e si è portato in testa al traguardo dei 30 minuti. Raffaele Marciello (Mercedes-AMG #88 Akkodis ASP) lo ha seguito in testa, mentre Serra è scivolato in quarta posizione dietro la Porsche #54 Dinamic Motorsport. La Mercedes-AMG #88 è passata al comando durante la prima serie di pit-stop ed era ancora lì quando la gara è stata neutralizzata poco prima delle due ore, dopo che la Lamborghini #14 dell’Emil Frey Racing ha colpito le barriere alla veloce curva di Signes. All’inizio della terza ora, la vettura di Akkodis ASP è rimasta in testa con Daniel Juncadella al volante, seguito da Albert Costa sulla Lamborghini #63 e dalla Ferrari #71 di Rigon. Il trio di testa non è mai stato diviso da più di qualche secondo e questo si è rivelato cruciale nella successiva fase di pit stop. L’equipaggio dell’Iron Lynx è stato più veloce di due secondi rispetto a entrambi i rivali, consentendo a Rigon di emergere in testa al gruppo. Il pilota italiano è stato il più veloce nelle qualifiche e ha mostrato lo stesso ritmo una volta in testa alla gara. Nel corso dell’ora successiva ha accumulato un vantaggio di 10 secondi, lasciando Juncadella e la Lamborghini #63 di Jack Aitken a contendersi il secondo posto. 

Il dramma si è consumato a due terzi di gara, quando la Mercedes-AMG #88 ha scontato una penalità di 15 secondi per un paio di infrazioni ai box, mentre l’Audi #32 ha dovuto riparare i fari posteriori. Dries Vanthoor ha inseguito Jules Gounon fuori dalla corsia dei box e in pochi giri il belga si è portato in terza posizione. Ma non è durata a lungo, perché Vanthoor è entrato in contatto con una vettura doppiata e ha causato danni fatali alla Audi #32. Non ci sono stati problemi analoghi per la Ferrari di testa, con Rigon che ha passato il testimone a Fuoco per l’ultimo terzo di gara e il giovane italiano si è dimostrato veloce quanto il suo più esperto connazionale. Il giovane italiano ha dimostrato di essere veloce quanto il suo più esperto connazionale. Era a più di 30 secondi di distanza quando una Safety Car in ritardo ha raggruppato lo schieramento, anche se con i doppiati tra lui e Gounon non c’era alcuna possibilità di un cambio di leadership. La Safety Car ha lasciato gara libera con solo meno di 10 minuti rimasti sul cronometro e Fuoco ha portato a casa la Ferrari #71 come vincitore, dando alla Iron Lynx la sua prima vittoria dalla 24 Ore TotalEnergies di Spa dello scorso anno e fornendo la perfetta iniezione di fiducia in vista dell’edizione 2022.

La vittoria non era in dubbio e c’è stato un arrivo in volata per il secondo posto. Gounon ha preso il via in seconda posizione, ma è stato immediatamente attaccato dalla Ferrari Iron Lynx n. 51 di Miguel Molina. Lo spagnolo si è affiancato sul rettilineo del Mistral e ha portato a termine la manovra, assicurando una doppietta al suo team e un podio combattuto insieme a Nicklas Nielsen e James Calado. La Mercedes-AMG #88 di Akkodis ASP ha completato il podio, mentre ROWE Racing ha ottenuto un brillante quarto posto con il suo equipaggio #50 composto da Dan Harper, Neil Verhagen e Max Hesse. L’equipaggio junior di BMW ha prodotto una prestazione matura che ha permesso alla nuova M4 GT3 di conquistare un importante piazzamento a punti in questa estenuante gara di sei ore. 

L’Audi #46 del Team WRT si è classificata quinta, regalando a Valentino Rossi il miglior risultato della sua neonata carriera di pilota GT, insieme a Frédéric Vervisch e Nico Müller. L’italiano ha preso il via e ha tenuto duro durante lo stint iniziale, che comprendeva un impressionante sorpasso opportunistico sulla BMW #50. La vettura ha perso terreno quando è stata costretta a effettuare due soste ai box in rapida successione, ma Müller è risalito nei punti a metà distanza e Vervisch ha compiuto ulteriori sorpassi, permettendo di passare sotto la bandiera a scacchi come migliore Audi. Bortolotti ha portato a casa la Lamborghini #63 in sesta posizione, anche se avrebbe potuto conquistare un secondo posto finale se non fosse stato per una foratura e una lunga sosta per sostituire i fari posteriori della vettura. Ha seguito la Mercedes-AMG #777 Al Manar Racing by HRT, vincitrice della Silver Cup, di Al Faisal Al Zubair, Axcil Jefferies e Fabian Schiller. La battaglia per gli onori di classe è stata altamente competitiva, con Akkodis ASP (#87 Mercedes-AMG) e Attempto Racing (#99 Audi) nel vivo dell’azione. Dopo essere stata tra le prime tre per tutto il tempo, la #777 è passata al comando a due terzi di gara ed è riuscita a staccare la #87, che ha concluso la gara in ottava posizione. Un contatto negli ultimi giri ha eliminato l’Audi #99 dalla lotta, promuovendo l’Audi #31 del Team WRT (14° assoluta) all’ultimo gradino del podio della Silver Cup.

La partenza della 1000 Km del Paul Ricard  (Source: gt-world-challenge-europe.com)

Gli onori della Gold Cup sono andati alla McLaren #7 Inception Racing, che ha prodotto una delle prestazioni più impressionanti della gara, conquistando il nono posto assoluto e una clamorosa vittoria di classe. La vettura è partita dalla pole, ma è stata rapidamente superata dalla Mercedes-AMG #57 Winward Racing, che è risalita nell’ordine grazie a Lorenzo Ferrari. La McLaren è rimasta in testa con Brendan Iribe e poi Ollie Millroy al volante, riprendendo il comando prima dei due terzi di gara e cedendolo solo brevemente alla Ferrari #83 Iron Dames. La Ferrari #83 di Iron Dames è stata in testa per tutta la seconda metà della gara, con Frederik Schandorff che ha preso il comando per le due ore finali. Il pilota danese è stato in forma smagliante, risalendo nell’ordine e aggiungendo punti complessivi al trionfo di classe della sua squadra. La Ferrari numero 83 si è piazzata al secondo posto, seguita dall’Audi numero 33 del Team WRT.

La vittoria della Pro-Am è passata di mano all’ultimo giro. La McLaren #188 Garage 59 ha dominato la fase iniziale della gara, ma è stata superata a metà corsa dalla Ferrari #52 AF Corse di Stefano Costantini. A due terzi di gara le due vetture erano a distanza ravvicinata, con la Mercedes-AMG #20 SPS Automotive Performance che si è aggiunta alla gara in terza posizione. La vettura del Garage 59 è tornata in testa per gli ultimi due terzi, ma il fumo proveniente dalla McLaren era motivo di preoccupazione. La Safety Car degli ultimi minuti ha messo sotto pressione Henrique Chaves e all’ultimo giro Dominik Baumann ha strappato una grande vittoria con la vettura che condivide insieme a Valentin Pierburg e Martin Konrad.

Il Circuit Paul Ricard rappresenta l’ultima gara Fanatec Endurance prima della prestigiosa 24 Ore di Spa (28-31 luglio). Dopo aver conquistato la vittoria assoluta nel 2021, Iron Lynx e Ferrari hanno dichiarato chiaramente la loro intenzione di mantenere il premio principale anche quest’anno. Ma, se non altro, i loro rivali saranno ancora più determinati a scalzare la squadra italiana quando l’azione si sposterà verso l’evento principale nelle Ardenne.

Continua a leggere le notizie di 1000 Cuori Rossoblu e segui la nostra pagina Facebook

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

adv
adv

Facebook

adv