Seguici su

Altri Sport

Presentato il Grand Départ 2024, il Tour parte in Italia per la prima volta

Pubblicato

il

Partenza storica per il Tour de France 2024, l’evento sportivo più seguito al mondo dopo Olimpiadi e Mondiali di calcio. A Firenze, nel Salone del Cinquecento di Palazzo Vecchio, è stata presentata la Grand Départ del Tour che attraverserà quattro regioni italiane: Toscana, Emilia-Romagna, Lombardia e Piemonte.

Per la prima volta il Tour partirà in Italia, nel centenario della prima vittoria di un ciclista italiano, Ottavio Bottecchia. Il via della edizione numero 111 della corsa a tappe più famosa al mondo sarà dato sabato 29 giugno a Firenze, con partenza da Piazzale Michelangelo in direzione Rimini, passando poi tra Cesenatico e Bologna, per finire a Torino dopo esser passati per il Piemonte.

Ospitare la Grand Départ significa ottenere un enorme visibilità per più giorni, dalle operazioni preliminari di presentazione delle squadre alle tappe vere e proprie, tipicamente ricche di imprese, ribaltoni e storie impresse nella mente di generazioni di appassionati.

Il direttore generale del Tour de France, Christian Prudhomme, si è espresso così sulla decisione di partire dall’Italia: “L’Italia è un grande Paese di ciclismo, un Paese appassionato, un Paese magnifico, un Paese che ci offrirà terreni sportivi molto interessanti e la bellezza dei suoi paesaggi. Ci saranno luoghi che sono patrimonio mondiale dell’umanità nei tre giorni del Tour de France in Italia: naturalmente, il centro storico di Firenze, i portici di Bologna, per esempio, o i paesaggi vitivinicoli del Piemonte dove si potranno degustare dei vini di grande qualità”.

Ci attende una edizione 2024 del Tour davvero indimenticabile. Il Tour de France 2024 renderà omaggio all’Italia e al ciclismo italiano, nella speranza di una nuova ripartenza in un periodo nel quale il nostro ciclismo sembra faticare a creare nuovi talenti.

 

 

 

Fonte: Rai News 24

Continua a leggere le notizie di 1000 Cuori Rossoblu e segui la nostra pagina Facebook

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

adv
adv

Facebook

adv