Seguici su

Bologna

Calciomercato – Sfumato Torregrossa, il Bologna continua la caccia alla punta. Scambio Calabresi – Faragò: parti più vicine.

Pubblicato

il


La seconda settimana di questa sessione invernale di calciomercato per il Bologna si è aperta con l’ufficialità dell’acquisto di Adama Soumaoro, come rinforzo per il reparto difensivo, e il ritorno di Musa Juwara dal Boavista dopo la risoluzione del prestito. 
Con il mercato che entra nel vivo, Mihajlovic spera di poter contare al più presto su un nuovo centravanti, la cui necessità è stata ribadita ancora una volta negli ultimi giorni in conferenza stampa.

DIFESA: La società ha accolto la richiesta del suo allenatore e si è mossa velocemente per mettere a disposizione del serbo un nuovo difensore centrale: Soumaoro , preso dal Lille in prestito con diritto di riscatto fissato a 2 milioni. Ritorno per lui nel campionato italiano dopo i 6 mesi al Genoa della scorsa stagione.  
In questi giorni resta aperta la trattativa con il Cagliari per lo scambio Calabresi – Faragò: le società devono sciogliere il nodo sulla modalità dell’operazione ma le sensazioni sono buone e i prossimi giorni potranno essere decisivi.

CENTROCAMPO: Negli ultimi giorni era stato accostato ai rossoblù il nome di Duncan. Il centrocampista ghanese in forza alla Fiorentina è in uscita e i dirigenti viola lo hanno offerto a vari club come Torino, Verona, Cagliari e per l’appunto Bologna proponendo un prestito con diritto di riscatto fissato a 16 milioni. Prezzo alto e rinforzo non indispensabile: così è stata giudicata la proposta dai dirigenti felsinei che hanno escluso la possibilità di vedere l’ex Sassuolo a Casteldebole. Possibile un suo trasferimento sempre in rossoblù ma al Cagliari.
Il Bologna continua a tenere gli occhi puntati su Mannsverk, centrocampista classe ’02 che gioca nella seconda divisione norvegese con il Songdal. Sul talentino norvegese ci sono però anche altri club importanti come Lazio, Arsenal e Ajax: concorrenza agguerrita per il giovane di bella prospettiva. Il suo cartellino gira attorno ai 500mila euro e sarebbe un buon investimento in ottica futura.

ATTACCO: Sfuma uno degli obiettivi di mercato della società rossoblù: Torregrossa va alla Sampdoria in prestito con obbligo di riscatto a 6 milioni + bonus. Nonostante i contatti tra Bologna e Brescia si fossero intensificati negli ultimi giorni anche per l’interesse delle rondinelle nei confronti di Calabresi, l’attaccante siciliano svolgerà nei prossimi giorni le visite mediche per poi approdare alla corte di Ranieri.
Il Bologna, dunque, rimane alla ricerca di un finalizzatore che possa risollevare la squadra: il preferito rimane Sam Lammers (qui la sua scheda) dell’Atalanta ma, oltre alla concorrenza dell’Hellas Verona di Juric, non convince la formula del prestito, unica soluzione proposta dai dirigenti bergamaschi. L’altro nome che era circolato a Casteldebole era quello di Inglese che però rimarrà al Parma visto il ritorno di D’Aversa sulla panchina gialloblù. Dunque, I nomi più caldi in queste ore sono quelli di Simone Zaza del Torino, il cui problema rimane l’ingaggio di 1.7 milioni; Andrea Pinamonti, in uscita dall’Inter e sul quale c’è il forte interesse del Benevento di Simone Inzaghi; Pietro Pellegri del Monaco, cui i dirigenti rossoblù hanno proposto un prestito gratuito con diritto di riscatto fissato a 5/6 milioni di euro. Offerta rispedita al mittente.
Da segnalare in uscita dal Besiktas, in Turchia, Adem Ljajic: per ora il serbo rimane una suggestione di mercato ma nei prossimi giorni potrebbero esserci aggiornamenti con l’attaccante che ritroverebbe sulla panchina proprio Mihajlovic, suo allenatore ai tempi del Torino. 
L’ultimo nome è quello di Supryaga della Dinamo Kiev ma per l’attaccante ucraino classe 2000 rimangono troppi i 15 milioni richiesti.
Intanto i dirigenti del Bologna lavorano anche in uscita: si cerca una nuova sistemazione per Juwara, questa volta magari in Serie B per un’operazione in prestito.

Continua a leggere le notizie di 1000 Cuori Rossoblu e segui la nostra pagina Facebook

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *