Seguici su

Bologna

Il Resto del Carlino – Esami Arnautovic: oggi le risposte. Kouamè il sostituto temporaneo ?

Pubblicato

il

Oggi avremo una risposta sull’entità del danno subito alla coscia sinistra nel match contro la Roma, ma i movimenti in società non fanno sperare nulla di buono. È probabile infatti che la lesione possa far saltare all’austriaco le ultime gare previste per la conclusione del girone di andata contro Fiorentina, Juventus, Torino e Sassuolo, suggerisce Marcello Giordano sul “Resto del Carlino”.                              

“Senza Arnautovic non abbiamo una  punta”, queste le dichiarazioni preoccupanti da parte di Sinisa Mihajlovic al termine della grande gara contro i giallorossi, e ciò indica il bisogno di trovare una soluzione temporanea per non perdere il filone di buoni risultati raggiunto in questo inizio campionato, per sognare ancora l’alta classifica. I due che sulla carta dovrebbero essere i sostituti dello svizzero, Van Hooijdonk e Santander non vedono per niente il campo, né nell’ultima gara così come l’unica assenza di Marko fin ora, nella sfida al “Diego Maradona” di Napoli. Non è nuova questa lamentela del serbo, che ha forzato su come questo fosse il ruolo decisivo su cui investire per far svoltare la squadra. Ad oggi, senza un vero sostituto, il problema della punta si ripresenta visto l’ancora acerbo Van Hooijdonk e l’esclusione di Santander dal progetto. 

Quindi è il momento di puntare sulla creatività visti i nomi a disposizione da cui ripartire per le prossime giornate, infatti la soluzione più logica (?) sarebbe quella di, visto il ritorno in pompa magna di De Silvestri, alzare Skov Olsen ed Orsolini al fianco di Barrow così da creare un tridente leggero, che si combatteranno un posto con Sansone. Il problema vero al momento è rappresentato dagli importanti ingaggi di Santander, che prende 1 milione netto, Falcinelli, con 900 mila euro ed il giovane Van Hooijdonk che guadagna 350 mila euro, per un totale di 2 milioni 250 mila euro da dividere per due visto che siamo a metà stagione. Il monte ingaggi totale dei rossoblù è di circa 55 milioni lordi. Il mercato in uscita sarà l’ago della bilancia per gli sviluppi sul mercato, e ciò potrebbe essere spinto dall’utilizzo delle due riserve di Arnautovic che, se messi in mostra, potrebbero attirare delle offerte di mercato, come il potenziale prestito di Van Hooijdonk da parte dell’Heerenveen. In caso contrario, ci si affiderà sulle mezze punte prima citate che potrebbero dare qualcosa in più se in fiducia.                                                                   

Intanto la dirigenza già pensa a chi potrebbe sostituire il numero nove e ci sono diverse opportunità, in probabile uscita nel prossimo mercato invernale: Zaza (30), Lasagna (29), Piccoli (20), Inglese (30), rispettivamente di Torino, Verona, Atalanta e Parma. Tuttavia il nome più caldo è quello di Kouamè (5 gol in 13 gare questa stagione), ora in prestito all’Anderlecht ma che potrebbe essere richiamato dal prestito e tornare alla Fiorentina, per poi trattenersi nella penisola alla corte di Sinisa Mihajlovic. Il profilo su cui puntare è chiaro: attaccante che conosca la Serie A ma che può ancora essere utile alla causa. In alternativa al 23enne belga il Bologna potrebbe puntare su Lucas Boyè, militante nell’Elche e che ha avuto un passato al Torino con lo stesso tecnico serbo.

(Fonte Il Resto del Carlino – Marcello Giordano)

Continua a leggere le notizie di 1000 Cuori Rossoblu e segui la nostra pagina Facebook

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

adv
adv

Facebook

adv