Seguici su

Bologna

Il Resto del Carlino – Pagliuca “Non possiamo permetterci di scherzare col fuoco”

Pubblicato

il


Sono sincero: pur comprendendo le ragioni di chi spinge per far ripartire la serie A nei panni di un calciatore oggi avrei paura a tornare in campo”. Queste le sincere parole dell’ex portiere rossoblù Gianluca Pagliuca, rilasciate durante un’intervista condotta da Massimo Vitali. 

Pagliuca, la serie A sta facendo di tutto per provare a ripartire.

E invece io penso che prima di tutto oggi venga la salute. Cosa conosciamo attualmente di quel virus? Pochissimo. In compenso abbiamo visto i drammi che può provocare.”

Quindi è giusto che il calcio attenda a braccia conserte che la bufera sia alle spalle?

“Capisco bene che i club ci rimettano dei soldi: e parecchi. Ma da ex atleta se oggi dovessi tornare in campo dico che avrei paura: e non tanto per me, ma per le persone che mi circondano. I calciatori hanno delle famiglie, delle mogli, dei figli, dei nonni: anche questi sarebbero rischi da calcolare.”

 A questo proposito la commissione medico-scientifica della Figc ha già predisposto un rigido protocollo: tamponi e test sierologici ripetuti, ritiri-bunker, aree di lavoro sanificate, distanziamento sociale.

Perfetto. Allora mi chiedo: ma che vita sarebbe per un calciatore? La risposta datevela da soli.”

 La sua soluzione quale sarebbe? 

Io mi limito a dire che fino a quando non sarà scoperto un vaccino far ripartire il calcio comporta un rischio altissimo”

 Ma questa non sarebbe una resa al Covid-19?

Io sono uno sportivo al cento per cento, senza partite di calcio, basket e tennis impazzisco: quindi se c’è uno che soffre questa situazione quello sono io. Ma il calcio è uno sport di contatto, ogni volta che vai  contrasto potenzialmente c’è un rischio di contagio. E di questo virus sappiamo ancora troppo poco per poterci permettere di scherzare col fuoco.”

 Fonte: Il Resto del Carlino, articolo di Massimo Vitali 

Continua a leggere le notizie di 1000 Cuori Rossoblu e segui la nostra pagina Facebook

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *