Seguici su

Bologna

Il Resto del Carlino – Santander sulle orme di Tare: un goal per restare

Pubblicato

il


Il Ropero si è sbloccato. Il goal nei minuti di recupero contro il Sassuolo ha riacceso la passione dei tifosi rossoblu, che sui social stanno riempiendo di affetto l’attaccante paraguaiano. Riconquistati i tifosi, però, per Federico Santander viene ora la parte più difficile: convincere Sinisa Mihajlovic di meritarsi un posto nelle rotazioni offensive del Bologna. Difficile, soprattutto data l’imminente apertura del mercato di riparazione (3 gennaio), ma nel calcio tutto può succedere.

Nel 2004, per esempio, Igli Tare sembrava in procinto di lasciare Bologna. Arrivato nell’estate di quell’anno, portato sotto le Due Torri da Carletto Mazzone per sostituire Julio Cruz, l’attaccante albanese giocò un girone d’andata abbastanza deludente, soprattutto sotto l’aspetto realizzativo. Una cessione a gennaio sembrava per questo imminente, ma due goal a inizio anno, uno a Lecce ed uno la settimana successiva al Dall’Ara contro il Chievo, convinsero la dirigenza rossoblu a dare un’altra chance all’allora attaccante 31enne. Risultato: altri 4 goal da lì fino alla fine dell’anno, compreso quello all’Olimpico contro la Roma che valse la salvezza per i rossoblu.

Tutto ciò si spera possa essere di buon auspicio per Santander, che da partente ha ancora il tempo per diventare un’importante risorsa per il Bologna. Intanto, sui social sta impazzando la “Ropero-mania” con i tifosi che stanno innalzando il paraguaiano a loro nuovo idolo, forse anche per ripagarlo della poca fiducia concessagli finora da Sinisa Mihajlovic; e, probabilmente, anche esagerando un po’, come del resto è normale al giorno d’oggi sui social. 

Fonte: Massimo Vitali, il Resto del Carlino

Continua a leggere le notizie di 1000 Cuori Rossoblu e segui la nostra pagina Facebook

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *