Seguici su

Bologna

La Bottega dei Talenti – Uroš Kabić

Pubblicato

il


Il mercato del Bologna presto entrerà nel vivo, soprattutto perché presto dovranno necessariamente definite le questioni che riguardano Dominguez e Orsolini. I rossoblù si muoveranno sugli obiettivi prefissati in primavera e individuati durante la stagione come utili al progetto. Uno di questi potrebbe essere il giovane esterno serbo, Uroš Kabić, che di fatto potrebbe essere il primo “prodotto” proveniente dal Vojvodina, club di Novi Sad, con cui i rossoblù stanno intraprendendo una collaborazione. L’esterno balcanico potrebbe essere il primo acquisto dei rossoblù in questa lunga estate di mercato.

Ma chi è Uroš Kabić?

Uroš Kabić nasce a Novi Sad, città del nord della Serbia che sorge sulle rive del Danubio, il 1° gennaio 2004. Cresce nella sua città natale, dove inizia a giocare a calcio fin da bambino. La sua passione per il calcio viene alimentata dall’ingresso nelle giovanili del Vojvodina, formazione di medio livello del calcio serbo, che ai tempi della Jugoslavia è stata in grado anche di vincere due campionati.

Uroš compie tutto il percorso giovanile con la squadra della sua città. Nel 2019, a soli 15 anni, è già aggregato alla formazione under 17, collezionando anche una presenza in avvio di stagione.

Nella stagione 2020/21 compie un doppio salto. Gioca regolarmente tutta la prima parte della stagione con la squadra under 19. Successivamente, viene anche portato in prima squadra, dove fa il suo esordio 30 ottobre 2020, entrando nel finale della gara contro il Backa.
A fine stagione Uroš ha collezionato 5 presenze per un totale di 70 minuti in prima squadra, più 14 presenze e 1 rete nella formazione under 19.

La passata stagione è quella del definitivo passaggio al professionismo. Gioca 16 volte in campionato, di cui 5 da titolare, esordisce in Europa giocando 4 gare ai preliminari di Conference League e segnando 2 reti. A queste 20 presenze, ne aggiunge altre tre nel Championship Round del torneo nazionale e altre tre in Coppa di Serbia.

In questa stagione ha giocato meno anche per qualche problema di salute. Kabić ha segnato 2 reti, prime due in campionato, in 21 presenze totali in stagione.

Ha fatto parte di tutte le rappresentative giovanili dall’under 15 fino alla 19. Una presenza in under 15, due con l’under 16, una anche con l’under 17, poi due anche con l’under 18 con cui ha segnato anche un gol contro l’Italia. Negli ultimi mesi ha giocato spesso con l’under 19 con cui ha segnato anche 4 reti in 12 presenze.

183 cm, peso non noto. Kabić ha un fisico longilineo, con una struttura muscolare uniforme. Ha lunghe leve con fasce muscolari ben sviluppate per la sua età, con cui produce grande velocità sia nello scatto breve, che sul lungo. Caratteristico il suo modo di correre, soprattutto in possesso palla, leggermente ingobbito quasi come fosse a protezione del pallone.

Sinistro naturale, è dotato di una grande tecnica individuale, grazie alla quale è sempre molto preciso nel controllare il pallone. Inoltre, talvolta sa usare bene anche il destro per il primo controllo.
Grazie alla sua grande tecnica è in grado di dribblare facilmente gli avversari in velocità, ma anche da fermo. Inoltre, è ovviamente in possesso di una grande abilità nella conduzione del pallone anche in spazi molto stretti.

Kabić è un’ala destra che però, grazie alle sue caratteristiche, può giocare anche come trequartista e anche come ala sinistra. Tuttavia, la sua posizione preferita è proprio quella di esterno destra, poiché partendo dalla fascia destra tira libera il suo mancino per concludere verso la porta. Inoltre, ha maggiore controllo del gioco intorno a lui e gioca anche in verticale o a cambiare gioco sulla fascia opposta.

Dal punto di vista balistico possiede un ottimo tiro in porta col suo mancino, ma è particolarmente preciso anche nei cross e nei lanci lunghi.

Ha però ampi margini di miglioramento. Innanzitutto, deve acquisire esperienza per migliorare il proprio modo di gestire le scelte di gioco. Soprattutto perché Kabić è un giocatore che porta a lungo e per molti metri il pallone tra i piedi e spesso fa fatica a capire qual è il momento giusto per scaricare il pallone agli avversari.

A 19 anni è comunque inevitabile che un giocatore debba sviluppare diversi aspetti del gioco. L’esterno serbo del Vojvodina potrebbe presto diventare il primo acquisto rossoblù. Bologna e il Bologna di Thiago Motta è il contesto migliore per migliorare, come hanno dimostrato gli ultimi mesi.

Continua a leggere le notizie di 1000 Cuori Rossoblu e segui la nostra pagina Facebook

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

adv
adv

Facebook

adv