Seguici su

Bologna

Radio Casteldebole – Dal “Galli” il punto sugli infortunati, la “sosta” inizierà domani

Pubblicato

il


Il Bologna non si ferma, o per lo meno, non da subito. A Casteldebole si è scelta, come al solito, la via del lavoro sin dal dopo Fiorentina – Bologna, per far si che le scorie della seconda sconfitta in campionato non rimangano troppo a lungo. Thiago Motta ha ricominciato il lavoro sul campo già da lunedì mattina, lavorando con i giocatori che non sono partiti con le proprie nazionali, e solo da domani si udirà un “rompete le righe” che durerà ben quattro giorni: il “Galli” riaprirà i cancelli lunedì prossimo, per la settimana che porterà, sette giorni dopo, a Bologna – Torino.

Karlsson continua le terapie, El Azzouzi “vede” il Torino 

Chi non smetterà di lavorare sarà l’ultimo, in ordine di tempo, ad essere entrato in infermeria: Jesper Karlsson. L’attaccante svedese continuerà a svolgere le terapie previste nel percorso di recupero dall’infortunio che lo ha colpito nel pre Fiorentina: lesione parziale del collaterale mediale del ginocchio destro. Il tempo stimato per rivedere in campo l’esterno ex AZ è di 5-6 settimane, quindi non prima di fine dicembre, nella più ottimistica dei casi. Karlsson non vuole perdere tempo e anzi, vuole tornare il prima possibile: non bisogna correre rischi però, vista la delicatezza dell’infortunio. Chi invece vede la linea del traguardo è Oussama El Azzouzi: il centrocampista marocchino sta spingendo per rientrare dopo la sosta, lui che è fermo dalla partita di Reggio Emilia per un infortunio muscolare. Il lavoro per il numero 17 Rossoblù procede secondo i piani: il momento della verità sarà la prossima settimana, a carichi di lavoro aumentati, propedeutici al ritorno in gruppo.

Fonte – Il Resto del Carlino

Continua a leggere le notizie di 1000 Cuori Rossoblu e segui la nostra pagina Facebook

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

adv
adv

Facebook

adv