Cento-Fortitudo G1: le pagelle Foto di Valentino Orsini/Fortitudo Pallacanestro

Cento-Fortitudo G1: le pagelle

Scritto da  Mag 15, 2023

La scintilla che Angori aveva visto in allenamento non corrisponde al gioco proposto sul parquet. Di fronte a una squadra che si presenta ai playoff determinata ad avanzare il più possibile, i meccanismi della Fortitudo si ingolfano tra il nervosismo i troppi falli commessi in avvio. Banks non è ancora pienamente rodato e bastano due possessi per farsi scivolare via la partita dal possibile impatto fino al -18 (91-73) finale. Per la prima volta in stagione, le pagelle classiche:

- Adrian Banks (15 pt/6 rim/2 ass) 6: deve ancora inserirsi completamente nel gioco della Effe. Le 5 palle perse evidenziano un ingranaggio non ancora bel oliato sebbene l'apporto offensivo rimanga una certezza.

- Pietro Aradori (18 pt/5 rim/2 ass) 6,5: il migliore della squadra. Tenta, e per buoni tratti di gara riesce anche, a sostenere l'attacco biancoblu proponendo soluzioni che gli altri non trovano. 

- Simone Barbante (8 pt/6 rim/0 ass) 6: si scriveva che avrebbe potuto contrastare bene la verticalità non eccessivamente fisica della Tramec, infatti risponde presente sul campo. Complici i falli commessi da Candussi nel primo quarto, ha più minuti del solito e fornisce il suo contributo: non eccezionale ma utile alla causa.

- Miha Vasl (0 pt/2 rim/0 ass) 4,5: ancora è un rebus il suo ruolo. L'arrivo di Banks lo "scala" a backup, non in grado però di scombinare le carte quando subentra.

- Francesco Candussi (11 pt/2 rim/1 ass) 5: ci sono partite in cui è fondamentale e altre da dimenticare in fretta. Vale la seconda opzione per ieri quando commette subito due falli e perde il ritmo gara senza ritrovarlo nel secondo tempo, anzi si fa coinvolgere dal nervosismo generalizzato tra i biancoblu. Nota positiva: 2/2 da tre che lo esalta più dal perimetro che al ferro.

- Matteo Fantinelli (10 pt/5 rim/6 ass) 5,5: non riesce a far girare la squadra come vorrebbe, soprattutto quando salgono in cattedra gli avversari, uscendo di scena anzitempo.

- Saliou Niang (0 pt/0 rim/ 0 ass) s.v.: un solo minuto in campo non rende possibile una sua valutazione.

- Nazzareno Italiano (8 pt/1 rim/1 ass) 4,5: approccia male e non migliora con il passare dei minuti. La sua agitazione culmina in un fallo tecnico ampiamente evitabile che peggiora la sua prova, negativa anche in quasi tutte le voci statistiche.

- Valerio Cucci (3 pt/0 rim/1 ass) 4,5: se non riesce a farsi largo come al solito, si spegne velocemente. In difesa soffre terribilmente Archie sottolineando quei limiti che spesso maschera in attacco. Non ieri. 

- Coach Matteo Angori 5,5: continuità con il recente passato o nuova aria? L'esordio suggerisce la prima, sotto ogni aspetto, ma proprio ogni aspetto.

- Fortitudo 5: voto che si appesantisce considerando il passivo al 40°. "Gap" forse bugiardo ma il successo di Cento non poteva non compiersi, brava a fronteggiare il talento avversario, lucida e ben focalizzata sul traguardo. Tutto ciò che è mancato alla Fortitudo. 

Ultima modifica il Sabato, 20 Maggio 2023 11:09
Eugenio Fontana

Appassionato di storie sportive e di pallone, ciclismo e palla a spicchi. Tifosissimo rossoblù da sempre. La prima prima partita che ho visto allo stadio è stata di Coppa Intertoto nel 1998: Bologna-National Bucarest 2-0.