Punto Virtus - Fattore Segafredo Arena nella sfida contro il Fenerbahce Foto Virtus Pallacanestro

Punto Virtus - Fattore Segafredo Arena nella sfida contro il Fenerbahce

Scritto da  Nov 23, 2023

La Segafredo Arena sta diventando sempre più la seconda casa dei Virtussini, questa sera si torna in Fiera per il decimo turno di Eurolega, a distanza di sole 72 ore dalla sfida vinta contro Brescia che è valsa il momentaneo primato in solitaria nel campionato di serie A. La squadra di coach Banchi è ancora in emergenza sotto canestro, ma ci sono novità per quanto riguarda i recuperi di Polonara e Mickey. Riavvolgiamo il nastro andando ad analizzare la settimana bianconera. 

Panathinaikos e Brescia 

In quel di Atene la Virtus ha confermato tutta la sua forza giocando ad armi pari contro uno dei roster più profondi e ricchi di talento d’Europa, in emergenza e dopo la gara impegnativa vinta con Milano, le energie sono mancate a cinque minuti dalla sirena, quando Lessort e compagni hanno preso il sopravvento mettendo in difficoltà fisica una squadra priva di due dei suoi big man. Il risultato finale insomma risulta essere troppo pesante (90-76), a tratti bugiardo per quel che si è visto sul campo dove lungo il corso della gara i divari tra le due squadre si aggiravano sempre sull’ordine dei cinque punti con svariati cambi di padrone nel punteggio. Alla fine ha avuto la meglio la squadra più lunga e attrezzata, accompagnata da un pubblico più da playoff che da regular season, forse qualcosa da recriminare nella gestione della gara può esserci come lo scarso utilizzo di Lundberg che sembrava essere ancora in scia positiva dall’ultimo quarto giocato contro Milano. Di fatto Iffe ha mantenuto la scia positiva e lo ha dimostrato con 30 minuti da protagonista nella vittoria contro Brescia, partita molto spezzettata e caratterizzata da tanti interventi arbitrali spesso non necessari, alla fine sono stati 54 i falli fischiati dal terzetto arbitrale che hanno innervosito la gara, più in casa Brescia che Bologna a dire il vero, i ragazzi di Banchi hanno saputo gestire meglio le chiamate dubbie e sono rimasti fermi sul piano partita portando a casa due punti importanti. Buoni segnali da parte di Cacok che però il coach bianconero ha tenuto in campo per soli 7 minuti in cui lo statunitense ha messo a segno 5 punti con tre assist e alcune buone difese, su Bilan però si è voluto utilizzare quasi sempre il granitico Dunston che ha chiuso con ben 33 minuti in campo. Due partite diverse dalle quali però si evincono due aspetti fondamentali: la forza e la compattezza di un gruppo che non si sfalda mai e la necessità di ritrovare al più presto Mickey e Polonara per far rifiatare un seppur apparentemente fresco Dunston che vanta ben 37 primavere. Proprio dei due lunghi emergono date indicative per i rispettivi recuperi, Polonara riprenderà ad allenarsi con la squadra la prossima settimana e dovrebbe rientrare per metà dicembre, Jordan Mickey rimarrà indisponibile per la trasferta di Monaco di Baviera e verrà valutato per la sfida contro Tortona o più probabilmente per quella del 6 dicembre contro il Barcellona. 

Il fortino Segafredo Arena 

Questa sera come detto si torna in campo, in Fiera arriva un Fenerbahce con voglia di riscatto che ha recuperato le assenze importanti di Calathes, Guduric e Sanli, giocatori di altissimo livello che tenteranno di dare la loro impronta per rialzare la squadra da una serie negativa di tre sconfitte. Le Vu Nere proveranno a proporre la loro pallacanestro veloce e coesa che al momento vanta i terzo miglior dato per assist a partita (19.8), i turchi sono meno fluidi nei loro attacchi e viaggiano a circa tre assist in meno, la difesa dei ragazzi di coach Itoudis d’altro canto vanta meno di 80 punti  subiti a partita: 78.7 contro gli 81.1 delle Vu Nere, ma sopratutto vede i propri avversari tirare con delle medie basse sia da due che da tre punti. L’ennesimo banco di prova per la Segafredo che, per riuscire a tenere alto il proprio rendimento deve assolutamente confermare il campo di casa come un fortino contro qualsiasi avversaria, compito non facile ma che se mantenuto garantirebbe una solidità mentale di altissimo livello. L’aiuto del pubblico sarà fondamentale e necessario in una Segafredo Arena che stasera ospiterà più di 8mila tifosi che si stanno sempre più facendo sentire al fianco dei propri beniamini.