Thiago Motta: «Abbiamo individuato quattro/cinque giocatori. Contento dell'arrivo di Fabbian» crediti immagine: Bologna Fc

Thiago Motta: «Abbiamo individuato quattro/cinque giocatori. Contento dell'arrivo di Fabbian»

Scritto da  Ago 19, 2023

Questo pomeriggio, vigilia di Bologna-Milan, ha parlato in conferenza stampa Thiago Motta.
Di seguito le sue parole.

Come stai vivendo la situazione?

«Sfideremo il Milan, abbiamo fatto una buona settimana di lavoro. Affronteremo la gara con grande determinazione come sempre».

Il Bologna oggi è competitivo?

«Abbiamo individuato quattro o cinque nomi che devono arrivare. Il Milan si è rinforzato tanto, noi siamo concentrati per fare una grande prestazione lunedì. Non abbiamo tempo per pensare ad altro. La società sa cosa serve, il mercato non è ancora finito. Vogliamo competere fino all’ultimo minuto».

Senza Arna e Schouten quanto cambia il Bologna? Cercate giocatori simili a loro?

«L’idea e la filosofia sono le stesse, i giocatori che arrivano devono aumentare il livello e la concorrenza tra i giocatori».

Pensi che Dominguez resterà?

«Comunico bene con lui, sarà il capitano lunedì. E’ concentrato sulla gara con il Milan, vuole fare bene per sé stesso e per la squadra. Per il rinnovo dovete chiedere a Fenucci o a lui. Lui sta alla grande, si è sempre allenato al massimo ed è molto competitivo. Darà il massimo come tutti i suoi compagni».

Ndoye può essere titolare domani?

«Si, come tutti gli altri. Ha avuto poco riposo quest’estate, ha giocato già partite importanti. E’ in grande forma può giocare su entrambe le fascie, eventualmente può fare anche la punta».

Come stanno Lucumi, Orsolini e Barrow?

«Lucumi è recuperato, sta bene, Orsolini si sta inserendo nel gruppo ma è un po’ indietro. Si sta allenato con continuità. Musa non ci sarà per il Milan».

Avete idee di sostituire Arnautovic e Schouten con nuovi innesti o potreste utilizzare qualche risorsa interna tipo Van Hooijdonk?

«L’idea è rinforzare e alzare il livello del gruppo per avere sana competizione. Sono contento di come si allena Van Hooijodnk, vediamo cosa accadrà a fine mercato. L’idea iniziale era farlo andare a giocare, penso che sia la cosa giusta per lui. Ogni opportunità che gli viene data la sfrutta molto bene in allenamento, è un ragazzo molto interessante».

E’ un punto di svolta per Zirkzee?

«Deve lavorare, l’anno scorso aveva davanti altri giocatori. Oggi lo vedo molto bene, partecipa sia in attacco sia in difesa. E’ migliorato molto fisicamente. Ha un grande potenziale che deve essere sfruttato».

E’ in arrivo Saputo, pensi di parlarci?

«Ci siamo confrontati poco tempo fa, siamo in linea su cosa può servire alla squadra, abbiamo individuato quattro/cinque giocatori per migliorare la squadra».

Che idea hai per il terzino sinistro lunedì sera?

«Lo vedrete in partita, stanno bene sia Corazza sia Lykogiannis. Tommaso sta migliorando nella fase di possesso, anche Lyko sta migliorando. Vediamo chi partirà titolare e chi subentrerà».

Che Milan troverete? 

«E’ una delle favorite allo scudetto, hanno costruito una squadra forte, equilibrata e di qualità non solo per il campionato ma anche per l’Europa. Noi dobbiamo andare a mille».

Non è scontato ripetersi dopo la bella annata dello scorso campionato, cosa ti aspetti?

«Io garantisco massimo impegno, altro non vi posso garantire. Non prevedo il futuro, il presente è nelle nostre mani. Io e i ragazzi lo affronteremo a mille, le cose si vedono poi sul campo. Il calcio è bello per questo. Non basta la tecnica o il fisico, serve anche altro».

In estate si era detto che sarebbe stato importante fissare obiettivi, è il momento per farlo?

«Io posso garantire quello che vi ho detto prima, quindi impegno da parte mia e dei ragazzi. Niente è cambiato rispetto allo scorso anno».

A centrocampo qual è il giocatore più simile a Schouten?

«Sono tutti giocatori diversi da Jerdy, lui è stato fantastico, sono molto contento per lui. Abbiamo altre caratteristiche ora, a loro si aggiunge anche Fabbian. Ognuno dà il proprio contributo. Al di là della tecnica questi ragazzi hanno ottime qualità umane. Sono certo che ci faremo trovare pronti. La stagione è lunga e ci servirà il contributo di tutti».

Cosa deve restare dall’anno scorso?

«Rimane un bel ricordo, possiamo regalarci emozioni in partita e farlo anche per la gente che viene allo stadio. Dobbiamo darci questa possibilità per affrontare qualsiasi squadra».

Fabbian è un ingresso che ti soddisfa?

«Sono contento del suo arrivo, ha fatto una buona stagione lo scorso anno. Ha voglia di lavorare e migliorarsi per competere internamente con gli altri centrocampisti e anche con gli avversari. Abbiamo bisogno di lui».

Su Orsolini.

«E’ un ragazzo che l’anno scorso ci ha aiutato molto, quest’anno deve crescere e migliorare. Deve lavorare sulla concentrazione e fare il massimo, questo è un lavoro quotidiano. Ho grande stima di lui ma esigo anche tanto, voglio di più di quanto ha fatto l’anno scorso, non solo in partita ma anche in allenamento. Dovrà aumentare il livello se vuole giocare, questo vale per tutti».

Urbanski andrà a giocare o resterà qui?

«A me piace molto giocatore, in questo momento dico che potrebbe rimanere ma vediamo a fine mercato. Alza il livello degli allenamenti. Avere una buona concorrenza fa bene alla squadra e all’allenatore».

 

 

Deborah Carboni

Laureata in Scienze della Comunicazione e grande appassionata di calcio. L'amore per il Bologna, iniziato nel 2008, è il motivo principale che mi ha condotto a realizzare un piccolo grande sogno: diventare giornalista sportiva.