Georgios Kyriakopoulos Georgios Kyriakopoulos fonte ufficiale: Twitter ufficiale Sassuolo

La Bottega dei Talenti - Georgios Kyriakopoulos

Scritto da  Gen 07, 2023

Il Bologna valuta attentamente le alternative a disposizione. Al momento, i due candidati di spicco per il ruolo di nuovo esterno mancino della linea difensiva rossoblù sono quelli di Georgios Kyriakopoulos e Oleg Reabciuk. Il greco del Sassuolo, per il momento, è davanti alle preferenze soprattutto perché possiede già una più profonda conoscenza del nostro campionato. Ma chi è l’esterno sinistro della squadra neroverde? Conosciamolo meglio.

Georgios Kyriakopoulos nasce a Patrasso, terza città della Grecia, il 5 febbraio 1996. Cresce nelle giovanili dell’Asteras Tripolis, con cui esordisce tra i professionisti nel 2013, collezionando a fine stagione 6 presenze, di cui 5 in campionato e una in Coppa Nazionale.
L’anno successivo 14/15, il suo minutaggio diminuisce notevolmente e gioca solo 3 partite tra Super League greca e campionato. Così l’anno successivo viene inviato in prestito prima all’Ergotelis, dove non riesce ad imporsi nella seconda divisione del calcio greco. Nella seconda parte di stagione passa al Lamia, nella medesima categoria, ma anche qua delude.

Nella stagione 16/17 torna all’Asteras Tripolis dove colleziona 12 presenze totali e una rete. Il suo utilizzo e il suo rendimento migliorano nella stagione successiva dove con 21 presenze e due reti, inizia a farsi spazio tra i titolari della squadra di Tripoli.
Il 2018/19 diventa definitivamente uno dei titolari dell’Asteras Tripoli, con 30 presenze totali e due reti.

È dunque l’estate del 2019 e il Sassuolo lo preleva in prestito oneroso con diritto di riscatto. Sotto la gestione di De Zerbi, gioca 26 volte in campionato, partendo 17 volte da titolare. Una stagione positivo che convince i neroverdi a riscattarlo per 500 mila euro.
Utilizzo simile anche nella stagione successiva con 24 presenze, di cui una in Coppa Italia. In Serie A segna anche il suo primo gol nella rimonta del Sassuolo al Dall’Ara. Mentre, nella scorsa stagione 29 presenze, di cui ben 22 da titolare condite da 6 assist.

In questa stagione, finora, ha colleziona 12 presenze tra campionato e coppa, con una rete segnata nella partita contro l’Atalanta, in cui ha peraltro giocato come ala offensiva.

Con la Nazionale Greca, ha giocato fin dalle selezioni giovanili: prima con l’under 18 dove gioca una sola volta, successivamente colleziona 13 presenze anche in under 19, con cui gioca anche l’Europeo di categoria. Infine, il passaggio all’ultimo livello delle rappresentative giovanili in under 21, con 7 presenze e un gol. Ha esordito in Nazionale maggiore, il 7 ottobre 2020 contro l’Austria. Finora con la Nazionale ellenica ha giocato 7 volte, servendo anche un assist.

182cm x 74kg, Georgios è un perfetto ectomorfo, con un fisico asciutto, dotato importanti fasce muscolari, soprattutto negli arti inferiori. È dotato di una buona velocità sul lungo e uno scatto sul breve molto importante. Inoltre, è piuttosto potente fisicamente, anche se non particolarmente abile a reggere fisicamente ai contrasti più rigidi.

Mancino naturale, Georgios è un giocatore che fa della tecnica individuale una delle sue caratteristiche più importanti, avendo un ottimo primo controllo del pallone e una buona conduzione del pallone. Non di rado, infatti, lo si vede portare rapidamente il pallone oltre la metà campo o comunque per diversi metri.

Dotato di una buona capacità di lettura degli spazi, Kyriakopoulos, ama portare il pallone, sfruttare l’associazione con i compagni e leggere la traccia offensiva da attaccare: internamente o esternamente non fa differenza, l’obiettivo è arrivare sul fondo. Una volta arrivato in fondo alla discesa sulla fascia sinistra è bravo a mettere al centro palloni interessanti, bassi e tesi oppure tesi e altri. Tuttavia, deve affinare ancora il decision making nell’ultimo quarto di campo perché troppo spesso sbaglia la scelta sulla direzione del passaggio all’interno dell’area.

Kyriakopoulos è inoltre un’ottima soluzione per l’uscita palla al piede dalla difesa. La sua capacità e il coraggio nel portare il pallone sono un’arma che i tecnici del Sassuolo, sia Dionisi sia De Zerbi hanno sfruttato con discreto successo.
Dal punto di vista della fase difensiva, Kyriakopoulos è un giocatore molto diligente. Abile nell’affrontare l’uno contro uno, l’esterno greco legge bene le diagonali ed è abbastanza attento in marcatura.

Dal punto di vista tattico, Georgios, in questa stagione, ma anche per qualche spezzone di partita in passato è stato schierato come esterno alto. Un modo alternativo per sfruttarne le doti di rapidità e lettura degli spazi interni ed esterni.

Kyriakopoulos deve migliorare soprattutto in costanza. Infatti, è spesso discontinuo all’interno anche della stessa partita, scomparendo spesso dalla manovra della squadra.

In un sistema tattico come quello del Bologna, potrebbe inserirsi alla perfezione potendo sfruttare l’appoggio di centrocampisti e trequartisti. Inoltre, sarebbe interessante quanto possa connettersi in termini di assist con Marko Arnautovic, sempre abile ad aprire il gioco sulle fasce e ricevere il supporto degli esterni.

Stefano Francesco Utzeri

Laureato in giornalismo all'Università di Parma, sto realizzando il sogno di raccontare lo sport a modo mio. Nativo digitale sedotto dai Beatles e Marty McFly.