Seguici su

Basket

Sconfitta Virtus per 79-72 a Milano, mercoledì sarà win or go home

Pubblicato

il

Foto Virtus Pallacanestro


EA7 OLIMPIA MILANO – VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA 79 – 72 (26-24, 16-13; 17-17, 20-18)

EA7 Olimpia Milano: Tonut n.e, Melli 13, Baron 12, Napier 12, Ricci, Biligha 4, Hall 2, Baldasso, Shields 22, Hines 3, Datome 3, Voigtmann 8. All: Messina E.  

Virtus Segafredo Bologna: Cordinier 14, Mannion n.e, Belinelli 17, Pajola 7, Jaiteh 9, Shengelia 2, Hackett 12, Mickey 6, Camara n.e, Ojeleye 5, Teodosic, Abass. All: Scariolo S.

 

Tiri liberi: MIL 15/18; VIR 16/21

Tiri da due: MIL 23/41; VIR 19/33 

Tiri da tre:  MIL 6/20;  VIR 6/23

Rimbalzi: MIL 40;  VIR 23

Falli: MIL 21;  VIR 26

 

Arbitri: Lanzarini, Attard, Borgioni 

Quintetti iniziali: 

Milano: Napier, Shields, Datome, Melli, Voigtmann 

Virtus: Hackett, Belinelli, Cordinier, Shengelia, Mickey 

La Virtus Bologna non trova il colpaccio al Forum in una gara complicata giocata meglio dai padroni di casa, capaci di controllare il match dall’inizio alla fine con la miglior prestazione nella serie. Pesante la mancanza a livello offensivo ti Shengelia e Teodosic, che non sono riusciti a mettere la loro impronta nel match, si va ora a Gara6 sul 3-2 per Milano che proverà a chiudere i conti mercoledì alla Segafredo Arena. 

Gara chiave, che parte sulla solita onda della serie, parziale Virtus e contro parziale Milano che si porta a +4, con le difese sempre più incisive degli attacchi. Nonostante un attacco poco fluido delle Vu Nere risultato sul 12-9 dopo i primi 5’. Capitan Belinelli spara dall’angolo la tripla del pareggio, e sale l’intensità anche offensiva dei bianconeri. Le squadre si caricano entrambe di falli e nell’ultimo minuto salgono anche le medie da oltre l’arco, a Baron risponde Pajola sulla sirena, il primo quarto si chiude così sul 26-24 per i meneghini. 

Milano parte bene nel secondo quarto, esprimendo un buon gioco di squadra per la prima volta nella serie, grazie ai tagli di Baron parziale di 6-0 Olimpia e timeout Scariolo. Al rientro sempre Baron, questa volta dai 6,75, risponde Cordinier per accorciare il distacco ma è Napier a ricacciare indietro gli ospiti, 38-31 dopo 15’ di gioco e la conclusione di Hackett, ritmi insolitamente alti nella gara. La Virtus rimane a contatto nonostante la buona difesa avversaria e le difficoltà nella circolazione di palla, trovando tiri complicati e spesso al limite dei 24’’ si chiude così il primo tempo sul 42-37, con l’ottima difesa di Hackett su Baron.

 

Continuano le difficoltà dall’arco per Teodosic che parte con uno 0/2, dall’altra parte anche Milano non trova in fondo della retina, primi 2’ del secondo tempo senza canestri. Ancora una volta esce prima l’Olimpia, che ritrova grazie alle triple e un’ottima difesa il massimo vantaggio sul +9 obbligando Scariolo a richiamare i suoi. Non cambia però la trama, Virtus appannata che subisce la pressione meneghina, anche a rimbalzo difensivo concedendo così la fuga sul +13 ai padroni di casa. Cordinier e Hackett riportano alta la pressione difensiva e trovano punti fondamentali per il controparziale fino al -6, timeout Messina a 1:46’’ sul cronometro. Botta e risposta tra Belinelli e Napier nell’ultimo minuto, si arriva agli ultimi 10’ sul 59-54. 

Le Vu Nere provano a rosicchiare punto per punto lo svantaggio, Milano però non sembra perdere il controllo, con una circolazione di palla efficace,  trova i primi due punti della gara anche Shengelia che trovai -2, 67-65 quando mancano 5’ alla sirena finale. Shields però si prende la squadra sulle spalle ricacciando a -8 i ragazzi di Scariolo, ci pensa Belinelli da 9 metri a riportare sotto i suoi a 2′ dalla fine, Milano sbaglia tanto ma accumula rimbalzi offensivi fin quando la palla arriva sulle mani di Shields, 76-70. Le Vu Nere non trovano il canestro per riportarsi sotto e devono arrendersi ad una Milano, questa volta superiore, finisce 79-72 al Forum, appuntamento dopo domani per Gara-6 a Bologna.    

Continua a leggere le notizie di 1000 Cuori Rossoblu e segui la nostra pagina Facebook

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *