Seguici su

Bologna

Calciomercato Bologna – Sartori e Italiano: il feeling c’è

Giovanni Sartori e Vincenzo Italiano: dopo il Chievo Verona si sono ritrovati a Bologna, pronti per una nuova avventura assieme

Pubblicato

il

Vincenzo Italiano, ©bologna Fc 1909
Vincenzo Italiano (©Bologna Fc 1909)

Una stagione da preparare e tanta voglia di far bene. È iniziata lunedì la nuova era di Vincenzo Italiano sotto le Due Torri e i lavori da fare sono numerosi. Proprio per questo, Giovanni Sartori e il nuovo tecnico rossoblù sono inseparabili: martedì sera sono stati gli ultimi ad uscire dal centro tecnico di Casteldebole. Hanno guardato assieme il primo tempo di Spagna-Francia e dopodichè si sono dati appuntamento al giorno dopo, sempre a Casteldebole.

La storia del calcio racconta che non serve per forza sintonia ed affiatamento, ma è anche vero che lavorare in un ambiente sereno è sempre più facile e produttivo. Sicuramente, Sartori e Italiano partono già da una buona base, fatta di rispetto e fiducia reciproca.

Un rapporto da consolidare

I percorsi di Sartori e di Italiano si erano già incrociati al Chievo Verona: il primo era il dirigente sportivo, mentre il secondo era giocatore. Sartori ha sempre preferito non entrare all’interno dello spogliatoio per non invischiarsi con certe dinamiche, ma il rapporto con i proprio calciatori è sempre stato ottimo.

Ora che Italiano ha preso le redini del suo Bologna, però, l’intesa va consolidata ancor di più: in questi giorni sono state molte le occasioni per confrontarsi e discutere di vari argomenti, ad esempio di calciomercato.

Il diktat di Italiano: cene obbligatorie a Casteldebole

Per Italiano, il punto di forza di questo Bologna sarà il gruppo: il tecnico stesso, infatti, ha imposto ai giocatori e allo staff delle cene obbligatorie a Casteldebole fino a venerdì. Tutti insieme, nessuno escluso. In questa prima settimana di allenamenti, quindi, oltre ad un lavoro tattico e fisico ce n’è stato uno forse più importante. Creare affiatamento sin da subito per far sì che ci sia un ambiente favorevole per un buon lavoro.

Fonte: Stadio, Dario Cervellati

Continua a leggere le notizie di 1000 Cuori Rossoblu e segui la nostra pagina Facebook

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

adv
adv

Facebook

adv