Seguici su

Bologna

Coppa Italia, Bologna – Crotone: Le parole di Filippo Inzaghi nel post partita

Pubblicato

il

 

 

Il Bologna batte 3-0 il Crotone nel quarto turno di Coppa Italia, ritrovando così la vittoria dopo 7 partite senza successi. Due gol, un assist e una traversa del giovane Riccardo Orsolini, raddoppio dell’ex Falcinelli. Non è sicuramente il segnale di una crisi superata, ma il Bologna riesce a fare il suo dovere superando un Crotone in profonda crisi e guadagnandosi un posto agli ottavi di Coppa Italia. Prossimo appuntamento a gennaio contro la Juventus, ma ora testa e cuore alla partita della vita contro l’Empoli.

 

Ecco le parole di mister Filippo Inzaghi al termine del match: “Mi aspettavo questa reazione, avevamo tutto da perdere e poco da guadagnare. Ottimo allenamento per preparare al meglio la partita importante di domenica contro l’Empoli. La strada è ancora lunga ma questa prestazione mi lascia ben sperare per il futuro. Santander? Non so ancora nulla, lui voleva rientrare ma l’ho voluto risparmiare perché non volevo che la situazione peggiorasse. Domani valuteremo, ma mi auguro che per domenica stia bene perché abbiamo bisogno del suo contributo in campo. Nagy quando ha giocato ha sempre fatto bene, sta sera ha dato un’ottima risposta e si è fatto trovare pronto. Sono contento anche per il gol ritrovato di Falcinelli, ne aveva bisogno il ragazzo. Orsolini è una freccia in più nel mio arco, lui sa che ho stima incondizionata in lui. E’ fondamentale ma non ha ancora 90 minuti nelle gambe: quelli si hanno quando si gioca con continuità, e per il momento ho sempre fatto scelte tecniche che non sempre lo comprendessero. Quello che ha fatto sta sera è molto importante per la squadra e ha dimostrato di poter giocare in qualsiasi ruolo. Al momento lo posso considerare una certezza, al di là dei gol, ha lavorato bene anche senza palla. E’ naturale che debba crescere, è un classe 97, ma ha già tanto da dare alla squadra. Ci tengo a precisare che io e la società non riteniamo che questo sia un ritiro punitivo, perché in ogni partita ci hanno messo l’impegno massimale, è ovvio che hanno fatto anche degli errori grossolani ultimamente. Ma questo ritiro serve per creare maggiore sinergia, stare insieme, mangiare insieme, svegliarci insieme e andare insieme ad allenarci. Serve per guardarci negli occhi e capire cosa va migliorato. Un grazie ancora ai tifosi che ci sostengono in qualsiasi situazione. Ci danno sempre grande carica, li ripagheremo presto.”

Continua a leggere le notizie di 1000 Cuori Rossoblu e segui la nostra pagina Facebook

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *